in

Strategia senza limiti: posizione e mani che disegnano Pt. 2

Nel No-Limit Hold’em, disegnare le mani può essere spesso molto redditizio.

Nella prima parte di questo articolo, abbiamo analizzato il gioco di disegnare le mani in situazioni heads-up e abbiamo concluso che un approccio aggressivo è solitamente il migliore.

Nella seconda parte, discuteremo di come giocare a disegnare mani in piatti multi-way. Per giocare correttamente, e quindi massimizzare il potenziale profitto, è fondamentale capire come la posizione influenza la strategia ottimale.

Come regola generale, contro esattamente tre avversari, di solito è corretto giocare come faresti in un piatto heads-up – in modo aggressivo.

Una delle poche eccezioni a questa regola è se sei il secondo ad agire e il raiser pre-flop ha una posizione su di te. In questa situazione, se il primo giocatore punta e tutto ciò che hai è un pareggio, è generalmente meglio procedere con molta cautela, almeno finché non vedi come si comporta il rilancio pre-flop.

Tuttavia, se sei in un piatto contro più di tre giocatori, la tua posizione – relativa sia al raiser pre-flop che allo scommettitore post-flop (se nessuno dei due) – è un fattore importante da considerare prima di sviluppare una strategia per la mano.

Pensa prima alla posizione nel poker

Considera uno dei casi più comuni:

Sei in una partita NL standard da $ 2 / $ 4 e ricevi 7 ♦ 6 ♦ nel cut-off. Un giocatore in posizione intermedia zoppica, quindi zoppichi anche tu. Il bottone quindi rilancia a $ 18.

Sia il big blind che il limper in posizione intermedia chiamano e anche tu. Se il flop è K ♦ K ♦ 5 ♦ , come dovresti giocare la mano?

Se l’azione viene controllata da te, di solito è meglio controllare anche tu. Lascia che il rilancio pre-flop (il bottone) decida cosa fare prima di impegnare più chip nel piatto. Se scommette, vedrai come reagiscono gli altri due giocatori alla scommessa prima che tu debba prendere una decisione.

Se uno dei giocatori fa check-raise, puoi muck la tua mano, risparmiando una puntata. Se entrambi i giocatori chiamano la puntata, potresti anche prendere in considerazione il fold. Questo può sembrare controintuitivo (poiché sembrerebbe che tu abbia ottime probabilità di provare a centrare il tuo colore), ma con due callers, è anche molto più probabile che tu abbia un progetto di colore più grande.

Ovviamente, se floppassi un progetto di scala a tempo indeterminato invece del progetto di colore, chiameresti felicemente nonostante il progetto in una mano peggiore (una scala invece di un colore), perché allora staresti disegnando al noccioline. In generale, nei piatti multi-way, la qualità del tuo progetto è molto più importante di quanto non lo sia nel gioco heads-up.

È molto più redditizio disegnare al colore nut o all’estremità superiore del progetto di scala. Non c’è niente di peggio che fare il tuo progetto e scoprire di avere ancora la seconda mano migliore.

In alternativa, se uno dei giocatori che ha agito prima di te punta al flop, dovrai decidere tra rilanciare (sconsiderato), chiamare o lasciare. Se pensi che il bottone (il rilancio pre-flop) possa rilanciare, farai meglio a lasciare. Se invece pensi che possa chiamare o addirittura lasciare, allora chiamare è perfettamente accettabile.

Ci sono diversi importanti fattori posizionali da considerare prima di decidere su una particolare azione (quando hai floppato un progetto). I giocatori di successo, come minimo, saranno automaticamente consapevoli di quanto segue:

  1. Chi era il raiser pre-flop e da dove è probabile che provenga l’azione post-flop (in relazione a te)?
  2. Quante persone agiranno dopo di te?
  3. Se il raiser pre-flop ha una posizione su di te, quante persone ci sono tra te e lui e questi giocatori sono difficili o diretti?

Supponendo che tu abbia almeno considerato quanto sopra, cosa dovresti fare con queste informazioni?

Il principio di base è relativamente semplice:

Con una mano che pareggia (al flop), idealmente preferiresti uno dei due risultati: rubi il piatto con successo o ottieni le giuste probabilità (piatto e / o implicite) per provare a fare la tua mano (questo è spesso più facile se c’è più di un avversario). Entrambi i risultati vanno bene.

Quello che non vuoi è finire heads-up contro una mano forte senza le probabilità corrette per disegnare nella tua mano. Anche se questo può accadere occasionalmente se rilanci in modo aggressivo (o controrilancia) i tuoi progetti, in genere è meglio cercare di evitare questa situazione.

Cosa suggerisce questo sulla strategia post-flop ottimale? Se stai agendo immediatamente prima del rilancio pre-flop (o il giocatore che credi abbia intenzione di puntare al flop) e l’azione ti viene controllata, dovresti generalmente controllare e rivalutare quando l’azione torna da te.

Scommettendo, tendi a ridurre le tue probabilità implicite. Se il rilancio originale ha una mano e rilancia la tua puntata al flop, di solito scaccerà gli altri giocatori lasciandoti heads-up (e fuori posizione) con una mano di disegno improbabile che sia la favorita.

Se sei il primo ad agire e il raiser pre-flop è l’ultimo ad agire, hai tre opzioni:

  1. Scommessa.  In questo caso, speri di prendere il piatto o che i giocatori nel mezzo chiamino e costruiscano un piatto per te. Se ottieni un paio di call e poi il rilancio pre-flop rilancia, dovrai decidere se chiamare (e sperare che lo facciano anche gli altri giocatori, dandoti le probabilità corrette per fare la tua mano), o controrilanciare ( che rappresenta un set o due coppie) e prova a rubare il piatto.
  2. Check e call (se lui o altri scommettono).  Qui stai semplicemente cercando di rendere la tua mano a buon mercato e sperare di ottenere le probabilità corrette per farlo.
  3. Check (con l’intenzione di fare un grande check-raise per cercare di vincere immediatamente il piatto).  Un problema con questa strategia è se sei contro una mano reale. Se il tuo avversario va all-in, potresti dover chiamare, a seconda delle dimensioni dello stack e delle probabilità del piatto. O se lui semplicemente chiama, dovrai agire per primo al turn e se perdi il tuo progetto ti troverai in una situazione imbarazzante.

In alternativa, se sei l’ultimo ad agire e il rilancio pre-flop è immediatamente prima di te, potrebbe essere meglio chiamare (piuttosto che rilanciare) se lui punta. La tua intenzione in questo caso è di provare a portare con te alcuni degli altri giocatori (che hanno fatto check al rilancio al flop), migliorando così sia le tue probabilità implicite che quelle del piatto.

Infine, se sei l’ultimo ad agire e il raiser originale agisce per primo e punta al flop, hai ancora una volta alcune buone opzioni. Se altri giocatori nel mezzo chiamano, puoi chiamare, cercando di colpire la tua mano a basso costo e poi estrarre valore (questo è generalmente l’approccio migliore, perché le possibilità di rubare il piatto contro più giocatori sono relativamente basse) o giocare in modo più aggressivo e rilanciare sul semi-bluff.

Il punto principale da ricordare:

Per massimizzare il tuo profitto sulle tue mani di disegno, sii consapevole della tua posizione relativa e regola il tuo gioco di conseguenza.

Buona fortuna e buoni flop.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Come controllare il piatto con dimensione e posizione della puntata

Strategia No-Limit Holdem: posizione e mani di disegno