in

Ottimi motivi per rimanere in Fremont Street nel centro di Las Vegas invece che sulla Strip

Se hai già visitato Las Vegas, scommetto che hai trascorso la maggior parte del tuo viaggio sull’iconica Strip di Sin City. L’abbagliante schiera di casinò mega resort lungo Las Vegas Boulevard è certamente l’attrazione principale di questa città, ma non è sempre stato così. Fino agli anni ’60, quando un boom edilizio vide la nascita di siti come Caesars Palace e Circus Circus sulla Strip, il cuore pulsante di Las Vegas si trovava in Downtown.

Là, in un breve tratto di Fremont Street, intrattenitori come Frank Sinatra e il suo “Rat Pack” chiamavano casinò come il Golden Nugget, in California, e la casa delle Quattro Regine. Se hai intenzione di visitare Las Vegas, ecco quattro ottimi motivi per abbandonare The Strip per Downtown.

L’esperienza di Fremont Street ha completato uno straordinario progetto di ristrutturazione da 32 milioni di dollari

Uno dei motivi principali per cui i visitatori evitano il quartiere Downtown e Fremont Street è l’età della zona.

A un certo punto negli anni ’80, con The Strip in piena espansione grazie all’espansione aziendale, Downtown Las Vegas stava lottando duramente. I casinò erano più piccoli, le camere dell’hotel erano anguste e l’atmosfera generale era decisamente “vecchia scuola” in tutti i modi peggiori.

Tutto è cambiato nel 1994, quando i leader civici hanno completato un ambizioso progetto di ristrutturazione noto come Fremont Street Experience. Bloccando il traffico lungo Fremont e racchiudendo i cinque isolati della città con un baldacchino “Viva Vision” illuminato, la Fremont Street Experience ha cercato di emulare le luci intense, lo sfarzo e il glamour di The Strip.

Anche la scommessa ha funzionato e Downtown ha vissuto una rinascita durante gli anni ’90 che ha iniettato nuovo sangue nel quartiere in difficoltà.

Avanziamo rapidamente fino al 2019, tuttavia, e Downtown ha dovuto affrontare un dilemma simile. Il fascino dell’originale Fremont Street Experience era ormai svanito e Downtown era in gran parte definito dal suo eclettico mix di artisti di strada e artisti di strada locali.

Fortunatamente, l’amministratore delegato Patrick Hughes aveva una visione audace per un secondo progetto di rivitalizzazione.

Investendo 32 milioni di dollari per rinnovare e rinnovare il tettuccio Viva Vision, la Fremont Street Experience di oggi è come nient’altro che tu abbia mai visto prima. Quasi 50 milioni di luci LED che visualizzano oltre 16 milioni di pixel si combinano con un sistema di altoparlanti da concerto da 600.000 watt per creare un’esperienza per gli ospiti unica al mondo.

Ecco come Hughes ha descritto i suoi piani per la nuova e migliorata vela Viva Vision:

“Il sessantasette per cento dei nostri visitatori viene in centro a causa della tettoia. Aveva bisogno di una ristrutturazione dal pavimento al soffitto.

Il display è sette volte più luminoso, con la risoluzione quadruplicata rispetto a quella di una volta.

La luminosità ci permette di far girare gli spettacoli durante il giorno. “

Giorno e notte, i visitatori sono trattati con meraviglie sensoriali come nessun altro a Las Vegas. Gli schermi del baldacchino turbinano di tonalità al neon, spettacoli di luci con temi che si abbinano alle festività natalizie e musica per tutti i gusti.

Passerelle pedonali all’aperto, facile accesso a diversi bellissimi casinò e attrazioni come la zipline di SlotZilla si combinano per rendere la rianimata Fremont Street Experience un evento da non perdere.

Meraviglie moderne incontrano monumenti storici

Ogni volta che gioco d’azzardo a Downtown, mi trovo colpito dalla dicotomia tra le meraviglie tecnologiche di Fremont Street e la sua storia profondamente radicata.

Il Golden Gate Hotel & Casino ha aperto le sue porte per la prima volta nel 1906 e, dopo essere sopravvissuta sia al proibizionismo che al breve esperimento del Nevada con la criminalizzazione del gioco d’azzardo, la vecchia ragazza resiste ancora oggi. Il posto non è un vecchio museo polveroso, è un fiorente casinò e hotel che accoglie ancora gli ospiti per giocare d’azzardo, bere e divertirsi.

Un progetto di ristrutturazione multimilionario nel 2017 ha raddoppiato il piano di gioco del Golden Gate e cinque anni prima, il nuovo proprietario Derek Stevens ha aggiunto una torre di cinque piani. Questi lavori di ristrutturazione sono stati attentamente progettati per aggiornare la struttura, senza sacrificare l’aspetto e l’atmosfera antichi caratteristici del Golden Gate.

Ecco cosa ha detto Stevens al Las Vegas Review-Journal dopo l’ultima ristrutturazione:

“All’apertura del Golden Gate, questo design vecchio incontra il nuovo crea un’emozionante sensazione nostalgica che evoca lo spirito dell’era del Rat Pack con l’eccitazione del nostro mondo moderno.”

Per avere un’idea dello status di lunga data del Golden Gate come la più antica sala da gioco di Las Vegas, prendi questo. Quando le squadre di lavoro hanno abbattuto un muro vicino al vecchio bar, hanno scoperto vecchie bottiglie di whisky impacchettate e nascoste agli occhi indiscreti della polizia dell’era del proibizionismo.

Il Golden Gate potrebbe essere il nonno di Downtown, ma l’intero quartiere è ricco di attrazioni storiche. El Cortez ha aperto nel 1941 durante il culmine della seconda guerra mondiale, mentre il Golden Nugget ha rivendicato la sua rivendicazione lungo Fremont Street solo cinque anni dopo.

Se condividi il mio apprezzamento per la storia del gioco d’azzardo, visitare i casinò più venerabili d’America è un ottimo modo per trascorrere il tuo prossimo fine settimana a Sin City.

Il nuovo casinò Circa di Stevens porta un pezzo di The Strip a Fremont Street

Parlando di Stevens, l’impresario emergente dei casinò ha sicuramente lasciato il segno nel quartiere Downtown.

Insieme alla ristrutturazione del Golden Gate, Stevens e suo fratello Greg hanno trasformato il vecchio casinò di Fitzgerald in The D Casino & Hotel, un luogo trendy e alla moda che attira una folla di 20 persone.

Ma il gioiello della corona dell’impero dei casinò di Stevens è il Circa Resort & Casino, un nuovissimo locale nel centro di Las Vegas.

Circa vanta una torre di 777 camere che si arrampica in alto sopra l’orizzonte del centro, per non parlare di tutti i comfort moderni che i visitatori di Las Vegas si aspettano. Circa ospita il più grande impianto di scommesse sportive del mondo, che soppianta il Westgate SuperBook, insieme a un’enorme piscina a sei livelli che fa vergognare le attrazioni acquatiche di The Strip.

Un appassionato scommettitore sportivo a pieno titolo – è noto per scommettere $ 1 milione di volte sulle squadre della sua città natale, Detroit – Stevens ha progettato il Circa Sportsbook per essere il migliore del mondo. In un comunicato stampa che promuoveva l’ultimo negozio di scommesse all’avanguardia di Las Vegas, Stevens ha promesso agli altri appassionati di sport un’esperienza di livello mondiale a tutti i livelli (e lo intendo letteralmente):

“Sarà il primo bookmaker di tre piani – avrà gli schermi video più grandi. Avrà uno studio televisivo per VSiN e studi audio per radiocomandi e podcaster e avrà il maggior numero di posti a sedere di qualsiasi altro bookmaker.


Ospiterà circa un migliaio di persone con l’elemento in piedi. Mi aspetto che in una serata fantastica con – diciamo una partita delle World Series o una domenica della NFL – il ruggito della folla nel bookmaker sarà senza pari. Dovrebbe essere molto divertente per tutti “.

Se vuoi avere entrambe le cose, assaporando la storia di Downtown mentre soggiorni in un moderno casinò resort d’élite, Circa sarà il tuo vicolo.

Le occasioni e il valore trovati in centro semplicemente non possono essere battuti

Prima che la Fremont Street Experience e portati Circa Downtown nel 21 ° secolo, i giocatori che sanno accorrevano a Fremont Street per una semplice ragione – il valore.

Troverai ancora tavoli di blackjack da 3 a 2 in tutte le buche dei giochi da tavolo di Downtown, le macchine da video poker qui usano le tabelle di pagamento premium e le slot con penny girano effettivamente quando fai scorrere un Abe Lincoln lungo lo scivolo.

I risparmi si estendono anche alle opzioni per la ristorazione, come possono attestare mio padre e il nativo di Las Vegas. Non amava nient’altro che andare al Golden Gate per assaggiare il famoso cocktail di gamberetti da 99 centesimi del casinò.

Pagare meno di un dollaro per un bicchiere di gamberi potrebbe sembrare una vera scommessa, ma credimi, questo piatto di Las Vegas ne vale la pena. Il cocktail di gamberetti da 99 centesimi è stato gradualmente eliminato per un po ‘, ma recentemente è tornato a ricevere recensioni entusiastiche da gente del posto e turisti.

Se stai visitando Las Vegas con un budget limitato e lo shock adesivo di The Strip ti fa cadere, vai in centro per vedere come tratta i suoi stimati ospiti.

Conclusione

Sono un fanatico della nostalgia e del “modo in cui erano le cose”, quindi forse il mio amore per Fremont Street non è per tutti. Detto questo, se non sei mai stato nel centro di Las Vegas prima, cosa stai aspettando?

Dopotutto, The Strip aspetterà sempre a poche miglia a sud, quindi non rischierai nulla dando una scossa giusta a Fremont Street. Porta alcuni buoni amici, o anche i bambini – adoreranno l’attrazione dello scivolo acquatico “Nuota con gli squali” di Golden Nugget – e colpisci la città come Sinatra ei ragazzi erano soliti. E hey, se non ti diverti, mandami un’e-mail e il tuo prossimo cocktail di gamberetti da 99 cent è su di me.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

5 musei che ogni giocatore d’azzardo di Las Vegas dovrebbe visitare

7 consigli su come vincere alla roulette di Las Vegas