in

In che modo giocare “tight” nel poker semplifica le decisioni

Hold’em è un gioco molto difficile. Come dice sempre l’annunciatore del WPT preferito da tutti Mike Sexton, ci vuole un minuto per imparare e una vita per padroneggiarlo.

Parole più vere non sono mai state dette.

La maggior parte dei  giocatori di poker principianti giocano troppe mani  e le portano troppo lontano quando iniziano a giocare a Hold’em.

Una delle prime cose che impari quando decidi di diventare un giocatore vincente è giocare tight, cioè giocare meno mani.

Lo fai perché quando giochi solo mani iniziali di qualità, rende molto più facile il tuo gioco nelle strade successive.

Come vincere a poker

Giocare tight è assolutamente fondamentale quando si impara a giocare a poker vincente. Dico poker vincente perché tutti sanno  come  giocare  a poker  , ma pochi sanno come  giocare a  vincere  a poker .

La tua decisione iniziale se continuare o meno con una mano verrà presa prima del flop. A differenza del flop e del turn, che potresti trovarti a giocare solo una o due volte in orbita, stai prendendo decisioni pre-flop ogni singola mano che giochi.

Se giochi troppo loose pre-flop, ti stai costando soldi ogni volta che giochi una mano che non dovresti. Quindi è imperativo che la prima strategia che padroneggi sia giocare tight prima del flop.

Gioca solo le mani migliori prima del flop

Prima del flop dovresti giocare solo le migliori mani iniziali.

Dovresti cercare le mani che sono già mostri – AA, KK, QQ, ecc. Gioca le mani con la coppia più alta – cioè quelle che fanno la coppia più alta e quando lo fanno, fallo con un buon kicker.

Ad esempio: AK, AQ, KQ, ecc. Puoi anche giocare mani speculative di qualità, mani che floppano grandi e vincono piatti grandi – ad esempio T-9, 8-9, pocket pair piccole, ecc.

Tutte le altre mani dovrebbero essere evitate come la peste. Non solo mostrano un’aspettativa negativa (vedi ” EV spiegato “), sono anche molto difficili da giocare dopo il flop.

Una mano come K-5 può sembrare buona, essendo un re e adatta, ma le apparenze qui ingannano. Questa è infatti una mano molto debole.

Quando accoppia i suoi cinque, il cinque è raramente la coppia più alta al flop. Quando accoppia il suo re, ha solo cinque kicker e spesso si ritrova outkick allo showdown.

Questa è la natura di questa mano e di altre simili: fanno del poker un gioco d’ipotesi. Non puoi mai essere sicuro di dove ti trovi. Inoltre, non ti lasciano alcuna possibilità di fare una scala.

Non lasciarti ingannare dal rossore!

Potresti pensare che tutto questo sia superato dalla capacità della mano di fare un colore. Non molta fortuna. Essere adatto aggiunge solo il 2% alla sua probabilità complessiva di vincere.

In generale, se piegherai una mano fuori dal vestito, dovresti probabilmente piegarla come se fosse adatto.

I colori non si verificano abbastanza spesso da compensare le cadute di una mano iniziale scadente. Quindi smettila di zoppicare con le mani deboli solo perché sono adatte.

Confrontalo  con una mano come AK . Quando AK colpisce il flop, fai la top pair con il miglior kicker. Non sarai mai sconfitto allo showdown.

Puoi giocare questa mano con sicurezza – sai dove ti trovi nella mano. “Indovinare” è ridotto al minimo.

Quando colpisci sai dove ti trovi

Questo è il motivo per cui giocare ottime mani iniziali rende più facili le strade successive. Quando colpisci sai dove ti trovi. Hai una mano di qualità che può vedere una resa dei conti.

Raramente ti ritroverai outkicked. Se giochi solo mani che mostrano un’aspettativa positiva pre-flop, il resto del gioco andrà a posto.

Le tue buone mani pre-flop diventeranno buone mani post-flop, e scoprirai che le tue decisioni nelle strade successive diventeranno sempre più facili e più facili quante più mani spazzatura elimini dalle tue mani pre-flop.

Un esempio estremo di gioco tight sarebbe se decidessi di giocare solo assi, re e regine e passassi tutto il resto.

Questo renderebbe il tuo gioco al flop e dopo molto facile. Non ci sarebbe letteralmente nessun gioco d’ipotesi.

Se tenessi una overpair, scommetteresti; se no, rallenteresti. Le decisioni marginali sarebbero eliminate. Tutto sarebbe in bianco e nero.

Questo stile, ovviamente, è altamente sfruttabile e non sarebbe mai redditizio; è solo un esempio di come giocare tight renda le cose più facili nelle street successive.

Non consiglierei mai di giocare solo con assi e re, ma sarebbe una strategia migliore rispetto a giocare ogni mano che ti capita.

La migliore strategia di poker per principianti

Ovviamente la migliore strategia è da qualche parte nel mezzo. Piega le tue mani deboli ma gioca le mani forti in modo aggressivo.

Come dilettante e studente del gioco, hai la garanzia di commettere più errori in ogni sessione. E ogni volta che commetti un errore a un tavolo di No-Limit Hold’em corri il rischio di andare in rovina.

Più mani marginali giochi, più difficili saranno le tue decisioni. E questo significa che più errori farai. Più errori fai, più spesso ti ritroverai a essere impilato.

Se inizi solo con partecipazioni di qualità, semplificherai il resto delle tue decisioni.

5 trappole principali I giocatori di poker principianti vengono presi

I migliori libri di poker da leggere e la tua lista essenziale