in

“I’ll Make Poker Cool”: Kevin Hart collabora con PokerStars

“Mi sono appena impegnato in una partnership con PokerStars”, il comico Kevin Hart si è detto impassibile per iniziare la sua breve – e divertente – conferenza stampa oggi al PokerStars Championship Monte Carlo.

“Sono venuto qui con Daniel Negreanu per dirti che il poker si è appena divertito. Lo renderò divertente e renderò fantastico il poker.

“Daniel, ti renderò cool. Voglio dire che sei già cool, ma ti renderò davvero cool. Voglio essere l’Eddie Murphy del tuo Nick Nolte.”

E così inizia l’era di Kevin Hart su PokerStars, solo un paio di settimane  dopo che le stelle del calcio Neymar e Ronaldo sono scomparse  dalla lista degli ambasciatori di PokerStars.

In un momento in cui molti giocatori sentono che il gioco è diventato troppo serio, indipendentemente dal livello a cui giochi, portare un comico sembra l’idea perfetta.

Più di 48 ore

Hart è apparso per la prima volta a un evento PokerStars  al PSC Bahamas quest’anno,  dove ha giocato sia nel main che in diversi eventi high roller.

Potrebbe non aver fatto i soldi, ma sicuramente ha lasciato il segno.

Chiaramente gli è piaciuto così tanto il processo che è  tornato a fare lo stesso a Monaco questa settimana , insieme all’annuncio di un accordo (di logistica ancora da definire) che porta il suo rapporto con PokerStars un po ‘oltre.

L’attore-comico americano dice che la sua priorità sarà portare un po ‘di personalità al tavolo e che la conversazione è più importante per lui dei soldi.

“Sono un grande affare”, ha detto scherzosamente Hart. “Voglio dire un grande affare.

“Quando i giocatori si siedono accanto a me con le loro cuffie, mi chiedo come non sia un grosso problema per loro. E devono capire che non posso lasciare che non mi parlino.

“Mi parlerai se ti siedi al mio tavolo.”

“Kevin porta sicuramente una nuova presenza al tavolo”, ha aggiunto Negreanu. “Una nuova atmosfera che dice che puoi giocare un gioco serio e divertirti”.

“Lo seguo da un po ‘. Non è un ragazzo che fa le cose a metà. “

“Ora sto mescolando con i grandi ragazzi”

Alla domanda sulle sue esperienze di poker, Hart ha detto: “Ho trattato il poker come un hobby negli ultimi 10 anni. Eventi come questo qui lo portano a un livello completamente diverso “.

“Ma ora sto confondendo con voi grandi ragazzi. Sono già così bravo, posso fare il Day 2! “

“È vero che ho suonato con  Jean-Robert Bellande  e  Dan Bilzerian . È molto autentico. Così autentico, infatti, che non posso davvero ripetere nessuna delle conversazioni che abbiamo avuto in pubblico o da nessuna parte. “

“Quello che posso dire è che Dan è un personaggio. È un ragazzo divertente e un ragazzo rumoroso. E ha un bel ego. E che mi ha detto le cose più stravaganti che io abbia mai sentito. “

Sneaky Pete sarà enorme

Molti giocatori di poker hanno rituali. Sono superstiziosi, hanno talismani o entrano sempre per primi nella stanza con lo stesso piede. Hart non sarebbe Hart se non avesse la sua opinione.

“La mia prima stranezza è il ‘Sneaky Pete.’ Quando qualcuno scommette su di me, sbircio i miei occhiali con questo sguardo davvero severo.

“Poi mi rimetto gli occhiali. È tutto. Ma la gente lo riprenderà. Sarà enorme.”

“Mi comporto anche molto confuso e lascio le mie fiches in disordine davanti a me. Quando li spingo nel mezzo e qualcuno chiede quanto ho scommesso, dico “così tanto”. “

“Immagino che se mai vincessi uno di questi sarebbe la cosa più divertente del mondo. Mi imbatto in uno di questi campionati e vinco.

“Allora potrei andare in giro dicendo che sono il migliore al mondo, anche se chiaramente non lo sono. Ma mi piace il divertimento.”

Non ci sarà alcun coaching

Quindi ascolteremo e vedremo di più su Kevin Hart ai futuri Campionati di PokerStars e non vediamo l’ora delle battute al tavolo.

Ma forse il momento migliore in quella che è stata chiaramente la conferenza stampa più divertente mai tenuta da PokerStars è stato uno scherzo che non era nemmeno previsto.

Alla domanda da uno dei rappresentanti della stampa se conosceva qualche celebrità rumena, Hart ha risposto “Lo dirò con la faccia seria – no”, mentre Negreanu, la cui famiglia è di origine rumena, si è seduto proprio accanto a lui cercando di non ridere.

Tuttavia, Hart si rifiuta di ottenere qualsiasi coaching dalla superstar canadese.

“Per cosa?” Gridò Hart. “Non ho intenzione di leggere nessun libro. Non ci sarà nessun coaching, nessun allenamento, niente di niente. Capirò il gioco da solo.”

Torna qui alla sezione delle notizie di PokerListings per scoprire come Hart sta immaginando il gioco al PSC Monte Carlo.

[yop_poll id = “1”]

Altre regole ed eccezioni del poker dispari

Qual è il “Gap Concept” nel poker?