in

Edward Thorp: il genio del blackjack che vale 800 milioni di dollari

Molte leggende del gioco d’azzardo lasciano il segno nei giochi da casinò e svaniscono. Sebbene queste leggende possano arricchirsi grazie alle loro imprese, non raggiungono mai la fama in nessun’altra nicchia.

Edward Thorp è un’eccezione alla norma. Il “padre del conteggio delle carte moderno” non è solo un’icona del blackjack ma anche un guru degli investimenti.

Con un patrimonio netto di 800 milioni di dollari, Thorp è una specie di mini Warren Buffet. In effetti, ha guadagnato gran parte della sua fortuna scommettendo sulla compagnia di Buffet, Berkshire Hathaway.

Puoi leggere di più su Thorp e il suo blackjack stellare e sui risultati degli investimenti di seguito. Vedrai anche se è possibile emulare l’ascesa al successo di Thorp oggi.

Perché Edward Thorp è un genio del blackjack?

Nato nel 1932, i primi live di Edward O. Thorp ruotavano attorno alla scuola. Si è laureato presso l’Università della California con un dottorato di ricerca. in matematica.

Dopo la laurea, si è trasferito in tutto il paese e ha iniziato a lavorare al Massachusetts Institute of Technology (MIT), che, guarda caso, ha generato il MIT Blackjack Team.

Thorp ha guadagnato il suo primo lavoro come professore presso la New Mexico State University. Ha insegnato matematica qui dal 1961 al 1965.

Durante la sua permanenza allo stato del New Mexico, Thorp ha ascoltato i colleghi discutere di come la casa non possa essere battuta nel gioco d’azzardo. Ha deciso di mettere alla prova questa teoria.

Utilizzando un computer IBM 704, Thorp iniziò a studiare le probabilità del blackjack. Traendo ispirazione dal criterio di Kelly, alla fine ha sviluppato il conteggio delle carte e schemi di scommesse che potrebbero battere il gioco.

Il conteggio delle carte nel blackjack non era una novità all’epoca. Un gruppo di ex veterani dell’esercito chiamato “The Four Horsemen” ha ideato un rudimentale sistema di conteggio. Tuttavia, la loro strategia poteva solo abbassare il vantaggio della casa, non batterlo.

Ha sviluppato il “Thorp Count”, che è in grado di dare ai giocatori un notevole vantaggio nei giochi di blackjack a mazzo singolo. A quel tempo, il blackjack a mazzo singolo era ampiamente disponibile in Nevada.

Quindi, è andato in Nevada con Manny Kimmel, un giocatore d’azzardo professionista ed ex bookmaker. Hanno visitato per la prima volta i casinò di Lake Tahoe e Reno, vincendo $ 11.000 di profitti in un fine settimana.

Lui e Kimmel hanno anche visitato i casinò di Las Vegas durante il viaggio. Hanno continuato a vincere e hanno usato travestimenti per nascondere le loro identità.

Nel 1962, Thorp decise di mettere per iscritto la sua conoscenza del blackjack. Ha pubblicato Beat the Dealer, che insegnava ai dilettanti come trarre profitto dal blackjack. Beat the Dealer è diventato immediatamente un bestseller del New York Times dopo aver venduto 700.000 copie.

Successo in altre iniziative di gioco d’azzardo

Thorp non ha deciso di battere il blackjack per i soldi. Invece, lo ha fatto come esercizio accademico per dimostrare che la casa può essere rovesciata.

Dopo aver dimostrato che il conteggio delle carte funziona, si è dedicato ad altre attività legate al gioco d’azzardo. Mentre era professore di matematica al Massachusetts Institute of Technology (MIT), è diventato il primo giocatore d’azzardo a utilizzare un computer da roulette.

Thorp, un collega del MIT, e sua moglie, Betty, hanno visitato Las Vegas per giocare alla roulette. Indossavano un mini computer per calcolare la velocità della ruota e della palla. Userebbero queste informazioni per prevedere il punto di riposo della palla e piazzare le scommesse di conseguenza.

Ovviamente, oggi i computer della roulette sono illegali in ogni giurisdizione di gioco d’azzardo. Ma Thorp ne ha usato uno prima che qualsiasi giurisdizione li mettesse fuori legge.

I suoi successi nel gioco d’azzardo non sono venuti senza i loro svantaggi. I casinò hanno colto le sue imprese e hanno provato tutti i trucchi del libro – e anche alcuni non nel libro – per fermarlo.

I casinò gli servivano regolarmente alcolici nella speranza che abboccasse e iniziasse a perdere. Thorp notò anche che il collegamento dell’acceleratore sulla sua auto era stato alterato mentre tornava a casa da Las Vegas.

Non ha accusato direttamente nessuno dei casinò di aver tentato di fargli del male. Tuttavia, ha notato che i lettori potrebbero trarre conclusioni su chi ha manomesso il suo veicolo.

Entra nel mondo degli investimenti

Edward Thorp ha conquistato il mondo del gioco d’azzardo quando non gli importava nemmeno delle vincite. Già uno dei migliori giocatori professionisti senza provarci, ha deciso di passare a un altro inseguimento.

Nel 1967 ha scritto il libro Beat the Market. Questo lavoro discute l’uso da parte di Thorp dell’analisi quantitativa per fare soldi sul mercato azionario. Descrive inoltre in dettaglio come ha trovato azioni sottovalutate e ha investito in esse.

Ovviamente, la ricerca di titoli sottovalutati non è mai stata una strategia gelosamente custodita. Ma Beat the Market ne discute in modo approfondito.

Incoraggiato da un altro libro di successo, Thorp ha lanciato il suo fondo speculativo chiamato Princeton Newport Partners. Per 20 anni, Princeton Newport è diventato uno degli hedge fund di maggior successo nel gioco prima dello scioglimento.

Ha compensato un rendimento medio annuo del 19,1% durante questo periodo. È stato anche il primo fondo a impiegare con successo l’analisi quantitativa nel mercato azionario.

Grande successo con Berkshire Hathaway

Fondata nel 1969, Princeton Newport Partners ha avuto un grande successo generale. Tuttavia, nessuna mossa di Thorp né di questo hedge fund è stata grande quanto l’acquisto di azioni Berkshire Hathaway.

Thorp incontrò il proprietario della Berkshire, Warren Buffet, nel 1968. Tuttavia, non investì effettivamente nella società fino al 1982, quando le sue azioni erano $ 982,50 per azione.

Aspettare di comprare non ha fatto male a Thorp. Ogni azione del Berkshire Hathaway vale oggi oltre $ 297.000.

Durante un’intervista con Barron’s, Thorp descrive il suo incontro con Buffet e come alla fine ha deciso di acquistare le loro azioni anni dopo:

“Un bel colpo di fortuna è stato l’incontro con Warren Buffett nel 1968. Mi ha fatto capire che dovevo investire in Berkshire Hathaway, anche se non l’ho fatto fino al 1982. È il mio unico investimento in borsa. […] Ho anche degli hedge fund, ma li considero non buoni come Berkshire, quindi li uso per spendere e finanziare altre cose che faccio “.

Dov’è Ed Thorp oggi?

Anche a 87 anni, Edward Thorp è ancora attivo nel mondo del commercio. Dopo oltre 30 anni di scambi di successo, attualmente vale 800 miliardi di dollari.

Thorp ha lasciato da tempo il mondo del gioco d’azzardo alle spalle. E sebbene possa essere più famoso per le sue imprese di conteggio delle carte, Thorp si è anche ritagliato una carriera di investitore stellare.

L’autore di Beat the Market e Beat the Dealer continua a raccogliere profitti dalle sue azioni Berkshire Hathaway. Thorp non ha rivelato esattamente quante azioni possiede.

Tuttavia, ha notato che Berkshire Hathaway è l’unico titolo nel suo portafoglio. Considerando che Berkshire è una delle aziende con le migliori prestazioni negli ultimi decenni, questa è sicuramente una buona cosa.

Si può ancora passare da un professionista del casinò a un investitore a 9 cifre?

Edward Thorp non ha iniziato a giocare a blackjack con soldi veri in un momento in cui il gioco era vulnerabile. Ha inventato il metodo originale per batterlo!

Lui e Kimmel hanno guadagnato $ 11.000 durante il loro primo fine settimana utilizzando il Conte Thorp. Se aggiustato per l’inflazione, questo importo vale oggi più di $ 95.000.

Supponendo che tu conoscessi i segreti di Thorp nel 1961, avresti potuto fare sette cifre colpendo diversi casinò. Avresti guadagnato otto cifre tenendo conto dell’inflazione.

Da qui, avresti potuto prendere i soldi e investirli per farti valere almeno 100 milioni di dollari (nove cifre). Ovviamente, questo scenario non è altro che il senno di poi.

Thorp fece saltare rapidamente la copertura dei suoi segreti con Beat the Dealer. Anche Kimmel non era contento di questo, perché aveva in programma di fare una carriera lunga e redditizia con il conteggio delle carte.

La rivelazione di Thorp ha dato il via a una partita al gatto e al topo tra giocatori e casinò. Da allora questi ultimi sono a conoscenza e sono alla ricerca di contatori di carte.

Hanno anche aggiunto mazzi alla scarpa e stabilito regole sfavorevoli (ad esempio pagamenti naturali da 6 a 5 del blackjack) per contrastare i giocatori in vantaggio.

Naturalmente, i giocatori d’azzardo hanno utilizzato vari mezzi per migliorare la pratica del conteggio delle carte. Usano sistemi che tengono conto di più ponti (ad esempio Hi-Lo) e programmi di formazione per migliorare le loro abilità.

Alla fine, devi essere un contatore molto migliore per realizzare profitti seri oggi. Anche così, non raccoglierai regolarmente il tipo di denaro che ha fatto Thorp.

Potresti essere in grado di guadagnare a sei cifre e utilizzare parte di quei soldi in investimenti di successo. Ma non dovresti aspettarti di imitare la carriera di Thorp contando le carte e investendo da solo.

Conclusione

Edward Thorp è uno dei membri esclusivi della Blackjack Hall of Fame. Forse nessuno merita questo onore più di Thorp dato che ha inventato il conteggio moderno.

Ma l’ex professore di matematica ha dimostrato che le sue capacità vanno oltre l’arte del gioco d’azzardo. Ha anche gestito con successo un hedge fund per due decenni che ha fornito un rendimento di quasi il 20% all’anno.

Thorp vale 800 milioni di dollari oggi, il che significa che non ha esattamente bisogno di preoccuparsi dei soldi per il resto della sua vita. Il suo patrimonio netto dovrebbe continuare ad aumentare solo dato il successo a lungo termine della sua unica partecipazione, Berkshire Hathaway.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

La gestione del denaro nel gioco d’azzardo è importante?

7 cose che tutti odiamo dei casinò