in

Croupier, mi dia delle fiches per favore!

 

 

Vi è mai capitato di vedere un film che tratti di casinò o del gioco d’azzardo in generale? Magari qualcosa come “Maverick” con Mel Gibson, ma per non andare troppo sul genere western proviamo con un altro film un po’ più recente. Magari con qualcosa come “Casino Royale” dove Daniel Craig veste i panni dell’agente segreto al servizio di sua Maestà più famoso al mondo. Ovvero James Bond, l’intramontabile 007!

 

Dopo una serie di vicissitudini legate a spie internazionali e grandi complotti, l’intrepido James Bond dovrà impedire che il sinistro Le Chiffre (qui interpretato da un magistrale Mads Mikkelsen) riesca a racimolare abbastanza denaro per ripagare i suoi altrettanto loschi e disonesti clienti. In che maniera? Ma con un super torneo di poker Texas hold ’em in un Casinò di lusso ovviamente. Il nostro Bond, oltre ad essere il solito playboy di sempre, pare essere l’unico giocatore in grado di mettergli i proverbiali bastoni tra le ruote. Ce la farà?

Ecco, ora che abbiamo tracciato una sorta di piccolo quadro generale su celluloide, possiamo tornare a noi. Il casinò è certamente una delle esperienze migliori per ogni giocatore d’azzardo che si rispetti visto che si è letteralmente immersi in una atmosfera che mischia il brivido della scommessa con il rumore di roulette, di slot machine, di dadi e di fiches mentre, magari, si sorseggia un drink scegliendo con cura il tavolo al quale sedersi.

E per fortuna che oggi si può ancora vivere un’esperienza del genere, e a dirlo sono gli stessi gestori dei vari casinò come quello iconico di Sanremo, visto il disastroso 2020 ancora “troppo presente” nella mente di tutti gli italiani. Quello è stato infatti l’anno del Covid che, a quanto pare, non ha ancora intenzione di lasciar stare tutto il mondo.

Fortunatamente ora i contagi sono diminuiti di molto rispetto a quel periodo, anche se in alcune zone si sta già tornando alla zona gialla, e si può fare quasi tutto quello che si faceva prima dello scoppio della pandemia globale anche grazie alla campagna vaccinale in atto. Ovviamente la guardia va sempre tenuta alta, ma avete afferrato il concetto.

Se quindi da una parte i casinò fisici hanno riaperto i loro battenti ai tanti clienti, prima si sono verificate delle perdite per milioni e milioni di Euro, dall’altra parte i casinò virtuali non hanno mai chiuso. Anzi, a dire il vero, non sono mai stati così prolifici come adesso!

Infatti, visto che tutto o quasi era chiuso durante il lockdown e si doveva passare molto più tempo a casa, il giocare al casinò online è diventato il modo per gli scommettitori di “mantenersi in esercizio” e guadagnare anche qualcosa con le vincite.

Inoltre non dobbiamo scordare che è stato anche un modo come un altro per mantenere viva la tanto desiderata socialità visto che, grazie alle partite in live ed all’utilizzo della tecnologia in VR per alcuni giochi, i giocatori hanno potuto simulare una partita al casinò fisico con tanto di avversari e croupier con i quali conversare!

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Migliori giochi gratis per guadagnare bitcoin e criptovalute

Si può giocare gratis?