in

Come diventare un giocatore di poker professionista

Se vuoi sapere come diventare un giocatore di poker professionista, probabilmente hai appena iniziato a giocare e pensi che sarà qualcosa di divertente da imparare. Se hai passato un po ‘di tempo ai tavoli, sai già quanto può essere divertente vincere soldi. Come disse una volta Fast Eddie Felson, “Il denaro vinto è due volte più dolce del denaro guadagnato”.

Troverai molte pagine su come giocare a Texas Holdem e altri giochi da professionista che offrono scarsi consigli come “pratica, pratica”.

Spero di offrirti 7 passaggi per diventare un professionista che ti porterà da talentuoso dilettante a professionista di poker senza troppe sciocchezze.

Ecco i 7 passaggi che ti suggerisco di iniziare, in ordine:

1- Leggi The Theory of Poker di David Sklansky

Puoi (e dovresti) leggere più libri sul poker se vuoi essere un professionista.

Ma il primo e più importante libro sul poker che dovresti leggere è The Theory of Poker di David Sklansky.

La teoria del poker è così importante perché devi comprendere i concetti e le teorie dietro ogni versione del gioco e il libro di Sklansky è la guida più leggibile e completa a quelle idee che troverai.

Il Teorema Fondamentale del Poker, ad esempio, è uno dei concetti critici che ogni giocatore professionista deve conoscere per vincere in modo coerente. Eccolo, in breve:

“Ogni volta che giochi una mano in modo diverso da come avresti giocato se avessi potuto vedere tutte le carte dei tuoi avversari, questi guadagnano; e ogni volta che giochi la tua mano nello stesso modo in cui l’avresti giocata se potessi vedere tutte le loro carte, perdono. Al contrario, ogni volta che gli avversari giocano le loro mani in modo diverso da come avrebbero fatto se potessero vedere tutte le tue carte, tu guadagni; e ogni volta che giocano le loro mani nello stesso modo in cui avrebbero giocato se avessero potuto vedere tutte le tue carte, perdi. “

Ma la sola lettura non è sufficiente, è necessaria anche l’analisi fornita in questo libro.

L’inganno è un altro argomento importante, di cui il bluff e il semi-bluff sono solo argomenti secondari. Ad esempio, il bluff è necessario, ma il semi-bluff è meglio. È anche un concetto che non ho mai visto coprirlo bene da nessun’altra parte.

È inoltre necessario comprendere i concetti di posizione, carte gratuite e probabilità del piatto. Tutti questi sono argomenti importanti se vuoi trarre profitto in modo coerente.

La teoria del poker è così buona che se sei intelligente e dedito, non puoi leggere nessun altro libro di poker e probabilmente diventare un giocatore professionista solo grazie a queste idee.

2- Costruisci il tuo bankroll

Cercare di essere un giocatore di poker professionista senza un bankroll sufficiente è come essere un soldato che cerca di andare in guerra senza abbastanza proiettili per la propria pistola.

Non importa quanto sei bravo, non sei abbastanza bravo per superare i capricci della fortuna nel breve periodo. La varianza a breve termine ha rotto molti giocatori di poker esperti.

Di quanto bankroll hai bisogno?

Dipende, in gran parte, da quanto sei bravo nel gioco.

Ad esempio, se sei un giocatore perdente, hai bisogno di un bankroll infinito per rimanere in gioco. Inoltre, perderai costantemente, il che significa che non raggiungerai mai il tuo obiettivo di essere un giocatore di poker professionista. (I professionisti vincono.)

Se sei un giocatore vincente, dovresti avere 20 volte il tuo buy-in per qualsiasi gioco a cui giochi. Se sei nuovo nel gioco e meno sicuro, potresti persino raddoppiare tale importo.

Ciò significa che se stai giocando a giochi in cui il buy-in minimo è di $ 100, hai bisogno di un bankroll di $ 2000 per giocare. Se sei cauto, prova a iniziare con un bankroll di $ 4000.

Quando il tuo bankroll aumenta, puoi giocare a giochi più grandi.

Ma tieni il passo con i tuoi record, perché se inizi a perdere nei giochi con puntate più alte, potresti dover tornare indietro nelle puntate e affrontare avversari più deboli prima di riprovare a puntate più alte.

Il modo in cui costruire quel bankroll dipende da te, ma è importante che siano soldi che non ti servono per altri scopi. Se giochi con i soldi di cui hai bisogno per l’affitto o il pagamento di un’auto, prendi decisioni non ottimali.

Non puoi essere un giocatore di poker professionista a meno che non prendi decisioni ottimali quasi il 100% delle volte.

Puoi, ovviamente, iniziare con un bankroll molto più piccolo e “fare un tentativo”.

In altre parole, va bene giocare in un torneo con buy-in di $ 100 se te lo puoi permettere, anche se il tuo bankroll non è abbastanza grande da supportare quel buy-in.

Hai solo bisogno di rimanere con il tuo lavoro quotidiano fino a quando il tuo bankroll non è abbastanza grande per giocare professionalmente.

Troverai alcune fantastiche storie su Internet su Chris (Jesus) Ferguson che inizia con assolutamente nulla e lavora con il suo bankroll fino a $ 10.000.

Ha iniziato giocando nei freeroll, poi gradualmente ha aumentato la posta in gioco nel corso di diversi mesi. Ciò significa molto tempo speso a giocare a penny poker.

Non c’è niente di sbagliato in questo se hai tempo e sei paziente.

Un’altra opzione per entrare in giochi più grandi è vendere parte della tua azione. Ho un amico che vendeva parte della sua azione alle World Series of Poker a $ 125 per l’1%.

Il buy-in era di $ 10.000, quindi ha reso le sue aspettative più preziose solo in base a ciò che faceva pagare per ottenere una parte della sua azione.

Puoi fare la stessa cosa. Puoi anche trovare siti in cui i giocatori di poker vendono regolarmente pezzi della loro azione.

3- Hai bisogno di una missione

Daniel Negreanu è uno dei migliori professionisti del poker che conosco e suggerisce che uno dei primi passi che un giocatore professionista dovrebbe compiere è trattare la sua carriera nel poker come una piccola impresa.

E ogni piccola impresa ha bisogno di una dichiarazione di intenti o di una visione.

In altre parole, hai bisogno di un obiettivo chiaro e globale per ciò che vuoi creare con la tua carriera nel poker.

I tuoi obiettivi sono argomenti secondari, se vuoi, della tua dichiarazione di intenti.

Ad esempio, la tua dichiarazione di visione potrebbe essere quella di andare in pensione con $ 2 milioni in banca all’età di 50 anni.

Puoi impostare obiettivi per quanto hai bisogno di guadagnare ogni anno, ogni mese, ogni settimana, ogni giorno e ogni ora in base a quella visione generale.

Avevo un capo che insisteva sul fatto che non puoi colpire un bersaglio che non puoi vedere.

L’ho adorato.

Immagina di essere un tiratore scelto o un arciere che ha dovuto sparare con gli occhi bendati.

Non bendarti intenzionalmente non fissando obiettivi.

4- Inizia a monitorare i tuoi risultati

Riuscite a immaginare di provare a gestire un’impresa senza fare alcun tipo di lavoro contabile?

La contabilità potrebbe non essere la tua attività preferita, ma è impossibile gestire un’attività senza di essa.

Il modo in cui monitorare i risultati dipende da te. Non sono un giocatore di poker professionista – nemmeno vicino – ma tengo il passo con i miei risultati in un foglio di calcolo Excel. Di solito tenevo traccia dei miei risultati su un quaderno a spirale.

Non solo devi tenere traccia di ciò che stai giocando, per quanto tempo e quanto hai vinto e / o perso, hai bisogno di molti dati.

Non puoi presumere che dopo 10 ore di vincita a poker sei abbastanza bravo da essere un professionista.

Dopo tutto, il poker è un gioco di fortuna e nel breve periodo può succedere di tutto.

In effetti, anche dopo 100 ore, non puoi essere affatto sicuro di quanto stai andando bene. Potresti essere solo su una serie di vittorie o sconfitte casuali.

Occorrono almeno 1000 ore di risultati registrati per avere un’idea delle tue aspettative a lungo termine. Più ti avvicini a un numero infinito di mani, più ti avvicini all’effettiva aspettativa matematica del tuo gioco.

Penso che, prima di diventare un professionista, dovresti assicurarti di avere abbastanza dati da poter essere sicuro di essere un giocatore vincente.

5- Scout alcuni giochi

Non devi solo diventare veramente bravo a poker, fissare obiettivi, monitorare i tuoi risultati e costruire un bankroll.

Devi anche trovare un posto dove puoi giocare e vincere costantemente.

Solo perché sei in grado di battere costantemente i giochi da $ 1 / $ 2 su Winstar non significa che puoi battere lo stesso gioco su Choctaw.

Forse puoi, ma forse non puoi.

Il livello di competizione varia in base a dove giochi.

Questo include anche online. Alcune sale da gioco hanno una concorrenza più dura di altre.

L’unico modo per capirlo è essere abbastanza esperti da riconoscere gli squali (e i guppy) e stare lontano dal primo mentre cerca il secondo.

Il mio posto migliore per trovare una concorrenza debole?

Giochi di poker casalinghi.

E il bello della maggior parte delle partite casalinghe è che non richiedono il pagamento di un rake.

6- Inizia a partecipare ai grandi tornei di poker

Non appena sei abbastanza bravo (e puoi permettertelo), inizia a fare qualche tiro ai tornei di poker più grandi, come le World Series of Poker. In questi tornei puoi cambiare la tua vita e forse anche ritirarti dopo una singola vittoria.

Quest’anno, se sei arrivato al tavolo finale alle WSOP, hai vinto $ 1 milione.

La concorrenza è dura e il field è ampio, quindi assicurati di avere il bankroll per tollerarlo.

Scoprirai anche quanto sei bravo davvero.

7- Pratica

Pensavi che fossi serio quando ho detto che non avrei offerto consigli noiosi come “Pratica, pratica, pratica”.

Ma ammettiamolo.

Non puoi seriamente aspettarti di diventare un giocatore di poker professionista senza esercitarti.

E non tutti hanno l’abilità per diventare giocatori di poker professionisti. Richiede anche talento.

Ma non mi interessa quanto talento hai, senza pratica non ce la farai.

Pensa ad essere un giocatore di poker professionista nel modo in cui penseresti di diventare un professionista in qualsiasi altro sport.

Diciamo che sei un battitore abbastanza bravo nella tua partita di baseball intermurale al college.

Quanto bene pensi di fare anche contro il peggior battitore professionista del campionato?

Se pensi di avere una possibilità, sei deluso.

Se vuoi vincere le World Series of Poker, devi essere abbastanza bravo.

E non c’è modo di diventare abbastanza bravi che non coinvolga la pratica e molto.

Conclusione

C’è il mio processo in 7 fasi per diventare un giocatore di poker professionista.

Se sei già un professionista e stai leggendo questo, mi piacerebbe sentire il tuo feedback nei commenti.

Se sei un aspirante professionista, farai qualcosa di diverso in base a questi suggerimenti?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

I giochi di Keno moriranno mai?

Errori di gioco d’azzardo sportivo da evitare