in

Come difendersi dalla luce Three-Bet

Se ultimamente hai giocato a cash game short-handed con una certa frequenza, potresti aver notato una nuova tendenza.

Lo stile TAG (tight-aggressive) che dominava i giochi ha davvero iniziato ad evolversi in uno stile molto più LAG (loose-aggressive). Questo ovviamente porta a giochi più difficili e potresti trovarti costretto in alcuni punti piuttosto difficili.

Una situazione che si verifica più e più volte è quando hai aperto un piatto per un rilancio e poi  un altro TAG / LAG ti fa una tripla . Sta a te determinare se ha tre puntate leggere e qual è il tuo miglior piano d’attacco.

Cos’è una 3-Bet Light?

Perché, come accennato, lo stile predominante in questi giochi è abbastanza sciolto e aggressivo, è la chiave per informarsi sulla tendenza delle tre scommesse leggere.

La maggior parte dei giocatori  apre con una vasta gamma di mani pre-flop . La tre puntata leggera è fondamentalmente solo un controrilancio prima del flop con una mano peggiore di quella che normalmente farebbero tre puntate per valore.

Una solida difesa: inclina la testa a lato e guardali come se fossero pazzi a fare una tripletta con te.

Questo gioco è progettato per sfruttare i giocatori aggressivi che stanno aprendo una vasta gamma pre-flop. Di solito il tre-bettor spera di vincere immediatamente il piatto, sapendo che il raiser originale terrà una mano media per la maggior parte del tempo.

Questo fa sorgere la domanda, qual è la migliore difesa contro un giocatore che utilizza la tre-bet leggera?

Ovviamente la tua risorsa principale contro un giocatore duro che ha una posizione su di te è semplicemente lasciare il tavolo e passare a un terreno più morbido.

Tuttavia, diciamo che per il bene dell’esempio ci sono dei veri pesci grossi a questo tavolo per cui vale la pena restare … o sei un ghiotto di punizione.

Come difendere la luce 3-Bet

Ci sono parecchie difese che puoi impiegare. Per prima cosa, puoi provare a chiamare queste tre puntate più leggere di quanto faresti normalmente.

Questo ovviamente è solo un esempio di  pensiero multilivello . Se sai che sa che stai aprendo la luce, allora sai che è capace di tre puntate leggere. Quindi, se hai una mano come AQ, probabilmente si accumula abbastanza bene contro il suo range, mentre se questo fosse contro un normale three-bettor sarebbe un facile fold.

Metti il ​​tuo avversario in un punto in cui sia un call che un fold sono sbagliati e gli fai commettere errori. Poi vengono gli eBucks.

Un problema con questo modus operandi è che non ti dà slancio: lasci che il tuo avversario prenda l’iniziativa nel piatto e ora sei costretto a giocare in difesa. Inoltre, di solito devi fare un flop decente per continuare.

Due, puoi usare il call insieme a una donk bet al flop. Una scommessa donk ovviamente  è una scommessa in cui hai chiamato un rilancio e poi hai puntato sul tuo avversario alla street successiva . Puoi farlo con o senza una mano.

Questo di solito fa passare un avversario che ti ha rilanciato leggermente e ha mancato il flop. Tuttavia, se il tuo avversario è esperto in questa mossa, potrebbe semplicemente continuare la sua aggressività e riproporre la tua scommessa donk, costringendoti a rinunciare ai soldi che hai investito.

Tre, puoi chiamare la three-bet pre-flop e poi fare  check-raise al flop . Ancora una volta puoi farlo con o senza una mano. Questo è un contraccolpo estremamente aggressivo. L’ovvio svantaggio: stai rischiando un sacco di soldi se lo fai su un bluff.

Cos’è un Four-Bet?

Oppure c’è la light four-bet ultra aggressiva  . Questa mossa – un’altra istanza di pensiero multilivello – dovrebbe essere usata con molta parsimonia perché ti porterà sicuramente in alcune situazioni molto difficili.

Non passerò attraverso tutti i livelli di pensiero perché poi sembra solo una commedia rimaneggiata da  Friends  (so che tu sai che lo so …).

Per farla breve, se un giocatore ti fa tre puntate ultra-leggere puoi quattro-bet su di lui per lo stesso identico motivo per cui ha fatto una tripla su di te in primo luogo. Lo svantaggio di questo è lo stesso di tutte le altre opzioni: stai rischiando una buona parte del tuo stack di solito su un bluff / semi-bluff.

Tuttavia, uno qualsiasi di questi metodi è un buon punto di partenza per difendere i tuoi rilanci fuori posizione. Un altro che puoi aggiungere al tuo arsenale quando sei in posizione è quello di chiamare in modo fluido la three-bet prima del flop. Quindi al flop puoi aumentare la sua c-bet o aspettare fino al turn e farlo fluttuare una volta che ti fa check.

Non c’è modo di dire quale sia la difesa migliore. Infatti non c’è mai una difesa migliore nel poker. Idealmente dovresti avere tutte queste mosse in tasca e dovresti essere in grado di sconfiggere quella che la situazione impone.

Presta attenzione ai tuoi avversari; se non lo sei, butti via i soldi.

Devo 3-Bet senza una mano?

Ovviamente butterai via i soldi se fai uno di questi senza letture adeguate. Quindi devi sempre prestare attenzione ai tuoi avversari.

Quante volte fanno tre scommesse? Come reagiscono quando  essi  sono tre-bet? Come reagiscono quando ottengono una four-bet? Fanno sempre c-bet al flop dopo tre puntate? Se vengono chiamati si arrendono? O fanno check-raise al turn?

Devi costantemente valutare e rivalutare le tue letture mentre giochi.

Avrai notato che ripeto la frase “con o senza mano”. Ci sto insistendo perché devi essere in grado di usare queste mosse sia con le mani che senza. Questo si chiama ” bilanciamento dei tuoi intervalli “.

Se solo, diciamo, chiami la three-bet e fai check-raise al flop come un bluff, allora sei estremamente sfruttabile. Ma quando puoi farlo con un mostro, un bluff o anche una mano marginale, ti rende estremamente difficile difenderti.

Se metti il ​​tuo avversario in una situazione in cui sia un call che un fold non sono corretti, allora gli fai commettere errori. E come sappiamo nel poker, se puoi costringere i tuoi avversari a commettere errori, gli eBucks ti seguiranno sicuramente!

Perché non dovresti mai “toccare il bicchiere” nel poker

Come giocare ai giochi di poker con cappuccio, parte 1: apportare modifiche