in

Aggiornamento settimanale sul poker: 21 settembre 2020

Nell’ultimo mese, la maggior parte dell’ossigeno nel mondo del poker è stato risucchiato dall’evento online delle World Series of Poker. Si è svolto da luglio fino alla prima settimana di settembre, suscitando consensi e polemiche. È stata un’occasione degna di nota, considerando che questo è stato il primo tentativo di tenere le WSOP tutte online a causa dell’impossibilità di tenerle in diretta.

Eventi del World Poker Tour

Accanto alle World Series of Poker, tuttavia, il nome più importante in termini di eventi di poker deve essere il World Poker Tour. E hanno anche preso le cose online, godendo di un coinvolgimento dei giocatori altrettanto impressionante delle WSOP.

La scorsa settimana si sono svolti due degli eventi più importanti dell’edizione online del World Poker Tour. Il primo è stato l’evento principale. Il buy-in è stato di $ 10.300 per questo evento di Texas Hold’em senza limiti.

Il prezzo elevato dell’ingresso non ha certo spaventato i fedeli. 1.011 voci alla fine ci hanno provato. Con le dimensioni del field, la borsa garantita per il field di $ 10 milioni è effettivamente salita a poco più di $ 10,1 milioni, con il vincitore che ha visto una fantastica vincita di oltre $ 1,5 milioni.

I concorrenti al tavolo finale erano principalmente quelli con una lunga storia di successi nei tornei. Non sorprende che lo slancio abbia oscillato selvaggiamente mentre gli ultimi nove si tiravano l’un l’altro. Damian Salas aveva il comando all’inizio dell’azione, ma il mazzo proverbiale è stato mischiato in classifica diverse volte dopo.

È interessante notare che la coppia che alla fine sarebbe finita come gli ultimi due, Phllip Mighall e Teun Mulder è rimasta in gran parte fuori dalle mani a eliminazione diretta che hanno ridotto il campo. Mighall è stato responsabile di due eliminazioni, inclusa quella del terzo classificato Salas, e Mulder solo una.

Quando ha eliminato Salas, Mighall ha beneficiato di una carta river estremamente fortunata che lo ha trasformato da grande sfavorito a vincitore. Nella mano che alla fine ha deciso il Main Event, ne ha anche tirato uno. Inizialmente, si è seduto con un 7-10 fuori seme mentre Mulder scuoteva una coppia di assi.

Un terzo asso al flop probabilmente fece sentire Mulder ancora più invincibile, non pensando che anche il nove e il jack che erano scesi avrebbero avuto qualche effetto. Al turn, Mighall ha ricevuto l’otto per fare la sua scala. Quando Mighall è andato all-in a quel punto, Mulder ha chiamato rapidamente, solo per vedere la trappola in cui era caduto.

Mulder avrebbe ancora potuto tirarlo fuori dal fuoco se il river avesse prodotto un altro asso o qualcosa del genere per abbinare le carte rivelate sul board per un full. Quando ciò non è accaduto, Mighall ha potuto festeggiare. Era il suo primo titolo in carriera e il suo bankroll in carriera ha avuto un aumento del 150% circa fino a oltre $ 2 milioni.

Steve O’Dwyer va testa a testa

Mentre la vittoria di Mighall è stata la migliore in carriera, Steve O’Dwyer non è estraneo alle grandi vittorie. È entrato nel campionato heads-up del World Poker Tour con ben 28 titoli in carriera e oltre $ 31 milioni di vincite nei tornei. Ma anche se aveva incassato molte volte, una vittoria alle World Series of Poker o al World Poker Tour gli era sempre sfuggita.

Tutto è cambiato alla fine dell’azione testa a testa la scorsa settimana. Non che sia stato un viaggio facile per lui, dato che l’evento ha attirato 166 partecipanti per aumentare leggermente il montepremi garantito di $ 500.000. Per coloro che non lo sanno, l’azione testa a testa si svolge in un modo in cui devi iniziare anche ogni incontro, il che significa che è una grande prova di coerenza e resistenza.

O’Dwyer ha superato quei test a pieni voti. La sua abilità nella partita finale è stata la chiave, poiché ha bluffato per un vantaggio sul suo combattente Artem Akhmetvaleyev. Arrivato alla mano finale con quasi il doppio delle chip del suo avversario, O’Dwyer era pronto a battere il martello.

Un asso-re dello stesso seme ha dato a O’Dwyer l’impulso per giocare la mano in modo aggressivo, mentre Akhmetvaleyev è rimasto con un sette-otto fuori seme. Akhmetvaleyev ha poi preso il comando dopo che il flop gli ha dato un secondo otto e non ha aiutato O’Dwyer. Ma O’Dwyer non si è mosso e ha ottenuto un re al turn per portarlo in un solido vantaggio.

Quando al river è arrivato un quattro, e O’Dwyer è andato all-in per forzare la mano di Akhmetvaleyev, quest’ultimo ha pensato che fosse in corso un altro bluff e ha chiamato. Così, la battaglia è finita. O’Dwyer ha ottenuto $ 135.000 per la vittoria.

Questo è uno dei migliori giocatori della sua epoca, anche se potrebbe non avere la vittoria distintiva per dimostrarlo. La prova è nel linea di fondo, come O’Dwyer siede 10 ° di tutti i tempi in vincite nei tornei. La vittoria di questa settimana si aggiunge alla sua impressionante eredità.

Lo spettacolo deve continuare

Nel boom del poker dei “debiti”, gli spettacoli di poker si sono attaccati al formato collaudato dei tornei. In altre parole, i giocatori al tavolo finale erano stati ridotti da un gruppo molto più ampio. Questo modo di fare significava che spesso ci sarebbero stati giocatori un po ‘sconosciuti davanti alle grandi luci.

High Stakes Poker, che ha funzionato per sette stagioni a intermittenza dal 2006 al 2011, ha tentato di mostrare com’era per i migliori giocatori quando si riunivano per i cash game. Di conseguenza, il denaro utilizzato nel gioco rappresentava denaro proveniente dalle tasche dei giocatori (che sono stati anche pagati per apparire nello show per attenuare il colpo).

Il risultato finale è stato qualcosa che sembrava di avere un’anteprima di un mondo nascosto ed è stato molto divertente.

Bene, sembra che il mondo di High Stakes Poker potrebbe essere tornato. Il miglior professionista Nick Schulman ha recentemente twittato la conferma del ritorno dello spettacolo nel 2020. Forse questo significa che Schulman ha già partecipato a una registrazione.

Non ci sono altre novità, ad esempio se sarà effettivamente ospitato ancora una volta da Game Show Network, com’era originariamente o meno. Né nessun altro giocatore si è fatto avanti e ha confermato la propria partecipazione.

Ma se fosse vero, sarebbe fantastico se fosse coinvolta una persona specifica: Gabe Kapler. L’ex star di Welcome Back Kotter ha fatto un ottimo lavoro co-ospitando l’originale High Stakes Poker. Kapler ora ha 75 anni e ultimamente ha mantenuto un basso profilo, ma non sembrerebbe giusto se non fosse lui a chiamare l’azione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

7 consigli sulle slot machine (da un veterano del gioco d’azzardo)

Casinò della Pennsylvania: Wind Creek Bethlehem Review