in

9 motivi per cui il poker online è andato in discesa

Il poker online è stata la forma più calda di gioco su Internet negli anni 2000. Milioni di giocatori hanno iniziato a giocare durante questa era.

Tuttavia, la popolarità del poker online è notevolmente diminuita negli ultimi anni. Sebbene attiri ancora molti giocatori, il gioco ha visto giorni migliori.

Nove questioni chiave stanno attualmente trascinando verso il basso il poker su Internet. Discuterò di questi problemi e del motivo per cui stanno uccidendo il gioco.

1 – Venerdì nero

Il poker online ha attraversato due enormi eventi legali:

  • Legge sul gioco d’azzardo illegale su Internet (UIGEA)
  • Black Friday (alias Stati Uniti contro Scheinberg)

Firmato in vigore alla fine del 2006, l’UIGEA vieta alle aziende di gioco d’azzardo di effettuare depositi laddove ciò sia illegale.

La maggior parte degli stati non ha una posizione concreta sul gioco online. Tuttavia, alcuni hanno messo fuori legge l’attività. L’UIGEA si applica a quest’ultima categoria.

Data la mancanza di chiarezza dell’UIGEA, molte sale da poker online continuano a servire i cittadini statunitensi. Questa tendenza ha portato al Black Friday.

Gli Stati Uniti contro Scheinberg hanno segnato gli sforzi del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per catturare i trasgressori dell’UIGEA. L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York ha incriminato i principali prestanome del poker online.

Questo caso era incentrato su Full Tilt Poker, PokerStars, Cereus Network (Absolute e UB Poker). Sia Full Tilt che Cereus alla fine sono andati offline dopo aver perso la loro base di clienti americani.

PokerStars rimane solvibile e di successo fino ad oggi. Tuttavia, sono stati costretti a lasciare il mercato del poker online statunitense e finora sono tornati solo nel New Jersey e in Pennsylvania.

In poche parole, il Black Friday ha posto fine al vasto panorama del poker su Internet negli Stati Uniti. Ora, la maggior parte degli americani gioca in siti offshore più piccoli che non suscitano l’interesse del DoJ degli Stati Uniti.

2 – Mercati regolamentati

Il Black Friday è arrivato poco prima del momento in cui alcuni stati e paesi in tutto il mondo hanno iniziato a rimuginare sul poker online legale.

Il poker su Internet regolamentato sembra un sogno per i giocatori. Dopotutto, possono giocare legalmente al gioco di cui godono con la protezione dei regolatori del gioco online.

In realtà, però, la regolamentazione del poker online divide i mercati e il pool di giocatori. Il risultato è una minore liquidità nei cash game e nei tornei.

Siti come PokerStars, 888 e partypoker hanno ottenuto licenze in diversi stati e paesi. Sfortunatamente, a volte devono dividere i loro pool di giocatori quando lo fanno.

Il regolamento serve da deterrente per qualsiasi sito che cerchi di truffare i giocatori. Tuttavia, impedisce anche ai siti di tenere tornei e promozioni tanto grandi quanto la pre-regolamentazione.

3 – Esistono altre forme di gioco d’azzardo basato sulle abilità

Il poker su Internet ha attraversato un enorme boom dal 2003 al 2006. Anche dopo l’UIGEA, il gioco ha continuato a crescere.

Diversi fattori hanno contribuito al boom e alla crescita del poker in seguito. Uno dei fattori più importanti è che era l’unico gioco basato sulle abilità in città.

Coloro che volevano rischiare di vincere profitti consistenti sono stati naturalmente attratti dal poker rispetto ai giochi da casinò e alle lotterie.

Ma i daily fantasy sport (DFS) ora danno ai giocatori un’altra opportunità di vincere a lungo termine. Sebbene DFS non sia così popolare come il poker online, attira una buona parte di persone lontano da quest’ultimo.

4 – I siti di poker distribuiscono meno premi

Ai vecchi tempi del poker su Internet, gli operatori erano estremamente generosi con promozioni e premi VIP. Molti siti trattavano i clienti gratificanti come una competizione vedendo chi poteva dare i più grandi accordi di rakeback.

Al culmine di questa mania, alcune sale da poker su Internet offrivano un rakeback dal 50% al 70%. Questo modello era sostenibile solo quando i giocatori si precipitavano al gioco.

Tuttavia, il traffico alla fine ha rallentato e gli operatori hanno dovuto ripensare al proprio modello di business. Si sono resi conto che restituire ai giocatori più della metà del rake non funzionava più.

In questi giorni, ogni sito ha ridotto drasticamente la quantità di rakeback e altri premi fedeltà offerti. Non sorprende che questi premi ridotti abbiano inacidito alcuni giocatori del gioco.

5 – Bot del poker

Un poker bot è un programma progettato per giocare a poker su Internet per i suoi utenti. Una volta apparentemente innocui, questi programmi sono diventati molto più qualificati negli ultimi anni.

I bot del poker offrono agli utenti molteplici vantaggi sleali:

  • Possono vincere se programmati abbastanza bene.
  • I bot non si stancano.
  • Non soffrono di inclinazione.

La buona notizia è che non tutti i bot sono ancora abbastanza bravi per battere il gioco. Tuttavia, sono migliorati collettivamente nel corso degli anni.

I giocatori non vogliono competere contro l’intelligenza artificiale. Alcuni sono diventati disillusi dal poker online, poiché più bot sono entrati nel gioco.

6 – Il giocatore medio è molto meglio

Molti giocatori di poker online oggi desiderano di poter tornare agli anni del boom. Dopotutto, il boom ha portato un numero di principianti non qualificati che hanno donato i loro soldi per sperimentare i rounders.

Da quel momento, la strategia del poker è diventata molto più raffinata. Tutto, dai video di formazione agli stream di Twitch, ha contribuito a produrre giocatori di poker migliori.

Il grinder medio oggi è molto probabilmente migliore di alcuni dei professionisti online che hanno giocato a metà degli anni 2000. Questa è sia una benedizione che una maledizione.

La parte buona dell’aumento del livello di abilità del giocatore medio è che offre più speranza ai principianti di migliorare rapidamente. Tuttavia, questo aumento di abilità rende anche molto più difficile competere per i nuovi giocatori.

7 – Il poker online è meno esposto

Un altro sottoprodotto degli anni del boom fu l’aggiunta dell’esposizione al poker su Internet. Il gioco è stato applicato su TV e banner online fino a dieci anni fa.

Bodog ha fatto sentire i giocatori come se avessero potuto avere belle donne appese alle braccia se avessero vinto. Doyle Brunson è diventato un nome familiare. High Stakes Poker ha fatto sì che i telespettatori occasionali della TV smettessero di girare il telecomando.

Gli eventi legali di cui sopra alla fine hanno spaventato gli inserzionisti lontano dal poker online. A sua volta, il poker ha improvvisamente smesso di apparire sulle TV e sui browser Internet di tutti.

8 – Il poker non è così bello

Continuando l’ultimo punto, il poker su Internet non è più bello come una volta. Questo non vuol dire che le persone non si divertano ancora a giocare nei tornei dal vivo e nelle case degli amici.

Ma oggigiorno sempre meno persone vogliono essere come Doyle, Phil Ivey o Phil Hellmuth. I giocatori più famosi non sono più presenti in spettacoli di alto profilo o altri media mainstream su base regolare.

Molto di questo ha a che fare con la mancanza di pubblicità. Le grandi aziende non vogliono rischiare conseguenze legali e di marca negative avendo a che fare con il poker su Internet.

Un altro aspetto dietro la scomparsa del fattore coolness del poker sono i professionisti di successo di oggi. I migliori professionisti sono spesso giovani studiosi e assorti nel gioco, piuttosto che indossare cappelli da cowboy e raccontare vecchie storie di guerra.

Non c’è niente di sbagliato in coloro che vogliono concentrarsi esclusivamente sul gioco. Tuttavia, i giovani maghi della matematica non hanno lo stesso fascino dei giocatori d’azzardo della vecchia scuola con molte storie interessanti.

9 – La maggior parte degli operatori si concentra sui giochi da casinò e sulle scommesse sportive

I siti di gioco erano soliti gestire attività di successo concentrandosi esclusivamente sul poker. In questi giorni, tuttavia, hanno molte più possibilità offrendo più verticali di gioco.

Il tipico sito di giochi oggi offre giochi da casinò, poker e scommesse sportive. Il poker passa in secondo piano rispetto agli altri due.

Il miglior esempio di questo può essere visto attraverso PokerStars. Un tempo sito che incarnava veramente il suo nome, Stars ora dedica maggiore attenzione ai giochi da casinò e al gioco d’azzardo sportivo.

Questo cambiamento ha portato a migliori profitti per la società madre, The Stars Group. Tuttavia, coloro che amano il poker online si sentono abbandonati dal modo in cui Stars e altri siti trattano il gioco oggi.

Conclusione

La discesa della popolarità del poker online può essere fatta risalire all’UIGEA nel 2006. Tuttavia, il Black Friday è ciò che ha veramente mandato il gioco in tilt.

Il poker su Internet è sopravvissuto a questi eventi legali traumatici. Ma non si avvicina affatto allo stesso livello di traffico di una volta.

Questo traffico in calo ha causato altri problemi nel poker online. Prima di tutto, molti mercati stanno ora regolamentando il gioco.

La regolamentazione sembra una grande idea in superficie, perché offre più protezioni ai giocatori rispetto ai mercati grigi. Tuttavia, rompe anche i mercati e riduce la liquidità.

Il gioco è diventato molto più difficile anche negli ultimi anni. Più risorse strategiche disponibili hanno aiutato il giocatore medio a migliorare notevolmente.

I bot del poker stanno anche rendendo il poker online più difficile da battere. I robot giocano le mani per i loro utenti e possono vincere profitti a lungo termine se programmati in modo esperto.

Anche il poker online non riceve così tanta attenzione come in precedenza. Di conseguenza, meno persone prendono il gioco.

L’ultimo fattore che sta appesantendo il poker su Internet è la gravitazione del settore verso i giochi da casinò e le scommesse sportive. I siti di gioco si sono resi conto che questi verticali sono molto più redditizi dell’offerta di poker da sola.

Considerando tutto, il poker online non sembra che rivivrà mai il suo periodo di massimo splendore. Tuttavia, negli ultimi anni il gioco è rimasto una costante fonte di intrattenimento per i giocatori.

Detto questo, dovrebbe almeno rimanere a galla per molto tempo e continuare a essere apprezzato da molti giocatori in tutto il mondo.

I siti di scommesse online o le scommesse sportive terrestri sono migliori?

7 consigli sulle slot machine (da un veterano del gioco d’azzardo)