in

7 motivi per cui Seven-Card Stud Poker è perfetto per il tuo gioco casalingo

Molto prima che il mondo del poker venisse consumato dal Texas Hold’em senza limiti, le sale da gioco di Las Vegas diffusero in gran parte il Seven-Card Stud come gioco predefinito di scelta. Seven-Card Stud rimuove le carte comuni del board dall’equazione. Invece, i giocatori iniziano con due carte coperte girate a faccia in giù, insieme a una singola carta esposta per il resto del tavolo.

Da lì, si svolgono quattro successive “strade” di azione, con i giocatori che fanno check, puntano, chiamano, rilanciano o lasciano in base alla forza della loro mano attuale. Il gioco del Seven-Card Stud assicura che quattro delle sette carte nella tua mano siano distribuite scoperte durante la mano. Alla settima e ultima strada, l’ultima carta è coperta. In qualità di giocatore di Seven-Card Stud, il tuo lavoro si espande notevolmente oltre le competenze necessarie per eccellere nei giochi di carte comuni come Hold’em o Omaha.

Al fine di dedurre le possibili carte in mano del tuo avversario, così come le tue probabilità di ottenere determinate carte, Seven-Card Stud ti richiede di osservare, tenere traccia e memorizzare le carte scoperte distribuite durante la mano. In tal modo, puoi eliminare una buona parte delle potenziali offerte del mazzo, restringendo così i range di mani dell’avversario e le probabilità di pareggio.

Nonostante il fatto che Seven-Card Stud sia un gioco di scommesse con limiti, la sua reputazione di inseguimento conservatore del poker è fuorviante. In effetti, una partita di Seven-Card Stud con giocatori attivi può facilmente produrre una dimensione media del piatto che supera quella che potresti trovare a un tavolo di no limit Hold’em.

Questo perché i giocatori possono piazzare scommesse sulla terza strada (o direttamente dopo la distribuzione iniziale), sulla quarta strada (dopo aver ricevuto una quarta carta), sulla quinta strada, sulla sesta strada e sulla settima strada. Con cinque strade su cui scommettere, anziché le quattro nell’Hold’em, anche un gioco Seven-Card Stud con limite è in grado di generare quantità significative di azione dalla mano alla mano.

Le partite di poker casalinghe sarebbero ben servite aggiungendo Seven-Card Stud alla rotazione. È l’alternativa perfetta a una partita pesante di Texas Hold’em. Non devi nemmeno sostituire l’amato tango a due carte, puoi sempre optare per un sistema di una settimana al mese o giocare a un gioco cash Seven-Card Stud dopo il tuo solito torneo di Texas Hold’em.

Comunque tu scelga di integrare Seven-Card Stud nella tua normale partita casalinga, non te ne pentirai. L’elenco seguente evidenzia sette dei migliori motivi per cui il classico di Las Vegas del Seven-Card Stud è un ottimo modo per integrare il tuo mix di giochi casalinghi.

1 – Facile da imparare le regole di base, il gameplay e la strategia

A prima vista, il passaggio dal Texas Hold’em al Seven-Card Stud potrebbe sembrare un esercizio di futilità, con le strutture di gioco molto diverse impiegate dalle varianti.

Ma a un’ispezione più attenta, rimuovere le carte comuni al posto delle lavagnette personalizzate da sette carte è davvero l’unico cambiamento significativo che i tuoi ospiti delle partite casalinghe devono accettare. Dopotutto, a parte la mancanza di carte comuni, Seven-Card Stud è ancora un gioco di poker che si svolge secondo gli stessi principi di base del Texas Hold’em.

È in gioco lo stesso mazzo di carte standard da 52 carte. Viene utilizzato lo stesso sistema tradizionale di classificazione delle mani di poker, quindi una coppia batte una mano di carte alte, due coppie batte una coppia, tre uguali batte due coppie e così via fino a quando una scala reale batte una scala colore. E lo stesso sistema di check, puntate, call, raise e fold viene utilizzato prima dello showdown finale.

Se sei un principiante del Seven-Card Stud, vai qui per un riepilogo completo delle regole standard fornite dalle carte da gioco del marchio Bicycle.

Se sei uno studente più visivo, guarda questo breve video tutorial sul Seven-Card Stud:

2 – Puoi spezzare la monotonia di un tavolo di solo Texas Hold’em

Un altro motivo per considerare di diffondere il Seven-Card Stud alla tua prossima partita casalinga è aggiungere un po ‘di varietà all’esperienza.

Per quanto mi piaccia una bella serata trascorsa a macinare soldi veri nel Texas Hold’em, sarò il primo ad ammettere che il gioco può rasentare il noioso di tanto in tanto. In effetti, come notoriamente osservato una volta Tom McEvoy, veterano professionista ed ex campione del mondo WSOP Main Event, Hold’em è definito da “ore e ore di noia punteggiate da momenti di puro terrore”.

Nonostante tutto il parlare di momenti all-in e brutali bad beat al river, No Limit Texas Hold’em offre in realtà un’esperienza di gioco molto mite. Quando solo una manciata di possibili mani iniziali si qualificano come giocabili, e saltare il flop trasforma anche le mani giocabili preflop in spazzatura, puoi facilmente fare diverse orbite intorno al tavolo senza partecipare a un piatto significativo.

Ovviamente, questa dinamica cambia nell’arena delle partite casalinghe, dove i giocatori occasionali sono più inclini a perdere giocate, inseguire i progetti e chiamare al river. Tuttavia, se tu e i tuoi ospiti della partita in casa prendete sul serio il poker, la maggior parte delle mani di Texas Holdem seguirà una procedura a orologeria in cui un singolo rilancio preflop o una continuation bet al flop porta il piatto in fondo in quel momento.

Quando giochi a Seven-Card Stud, d’altra parte, la struttura delle scommesse limitate del gioco e la mancanza di carte comuni si combinano per rendere le prime fasi di ogni gioco a mani corrette. In altre parole, senza la minaccia di un enorme jam all-in che ti costringe ad abbandonare una mano, tutti possono sentirsi liberi di portare le proprie carte almeno in quarta street prima di ritirarsi.

Se ti senti stanco dei “fold-fests” nel tuo normale gioco di Texas Hold’em, perché non provare Seven-Card Stud per aumentare il tasso di azione corpo a corpo del tavolo?

3 – È una vera prova del talento del poker che premia l’abilità sulla fortuna

Una delle lamentele più comuni espresse intorno al tavolo di poker casalingo medio riguarda le bad beat fornite da giocatori ancora peggiori.

Grazie alla struttura unica del Texas Hold’em, anche la migliore mano iniziale preflop di pocket aces è solo l’80% di equity favorita su una pocket pair inferiore. Prendi una dolce mano iniziale come asso-re seme (noto anche come “grande chiazza di petrolio”) e godrai solo del 70% di equity contro una mano dominata come re-regina.

Questi punti di equity ravvicinati sono ciò che rende il Texas Hold’em, e specialmente la varietà senza limiti, così incredibilmente eccitante in ogni momento. Il flop, il turn e il river possono fornire ciascuno carte long shot che ribaltano completamente la mano, mandando il favorito nel muck mentre spinge il piatto a un giocatore precedentemente overmatched e outgunned.

Molti principianti del poker trovano questo elemento del Texas Hold’em scoraggiante, poiché giocare perfettamente non è mai abbastanza per assicurarsi un vincitore sicuro. Uno sfortunato runout si nasconde sempre nell’ombra, minacciando di accoppiare il board e regalare al tuo avversario un improbabile full per schiacciare il tuo colore, o anche di “contraffare” la tua doppia coppia floppata per dare a una singola coppia un punteggio improbabile.

Seven-Card Stud è ancora poker, quindi gli sbalzi di fortuna a breve termine giocano sicuramente un ruolo, ma quel ruolo è gravemente diminuito quando le carte comuni vengono rimosse dall’equazione. Quando giochi una mano singolare, che non può essere influenzata da sviluppi imprevisti sul tabellone, il giocatore ha in gran parte il controllo del proprio destino.

Ovviamente, un four-flush per la quarta street può ancora “brickare” e fallire nonostante abbia una probabilità di completare. Iniziare con mani premium come un tris “arrotolato”, o una coppia nella buca più lo stesso valore in alto nella mano, non garantisce sempre la vittoria, poiché l’affare casuale del mazzo può comunque inviare una mano superiore al tuo avversario.

Ma se le bad beat sbiadite ad ogni giro di carte ti fanno strappare i capelli, passare al Seven-Card Stud renderà la tua partita casalinga una forma di poker molto più equa.

4 – Puoi giocare a poker come i leggendari professionisti del passato

Nel lontano 1978, quando Doyle Brunson pubblicò il suo seminale libro di strategia sul poker “Super / System: A Course in Power Poker”, il vecchio Texas Dolly dedicava al Seven-Card Stud tante pagine quante ne dedicava al Texas Hold’em.

Questo perché i giocatori del vintage di Brunson hanno imparato il poker principalmente giocando a Seven-Card Stud e ai suoi derivati. Iniziando con il gioco ormai estinto del Five-Card Stud, poi con la varietà Seven-Card high-hand e infine le varie versioni split-pot e low-hand di cui imparerai nella prossima sezione, Brunson e il suo collega “Texas Road Gamblers ”ha girato la nazione sfidando tutti gli altri in accese sessioni di Seven-Card Stud.

Il gioco potrebbe non essere più al culmine della popolarità tra i professionisti del poker, ma puoi comunque rendere omaggio a Brunson e ai suoi compagni leggende del gioco ospitando una normale partita casalinga di Seven-Card Stud. Per portare davvero le cose al livello successivo, di solito indosso il mio cappello e stivali da cowboy di fiducia, mentre masticando un sigaro spento mentre cerco di intimidire e intimidire il tavolo proprio come fa ancora l’86enne Brunson fino ad oggi.

5 – È uno dei tanti modi interessanti per giocare a Stud Poker

Parlando di variazioni, il Seven-Card Stud che usa una mano alta per vincere è solo una delle forme del gioco da considerare.

Puoi anche provare Seven-Card Stud Hi-Lo Eight or Better, che consente di dividere il piatto tra la migliore mano alta e la migliore mano bassa qualificante (cinque carte con valore 8 o inferiore).

Il Razz è una forma di poker che capovolge il copione al Seven-Card Stud, quindi il gioco si svolge in modo identico fino allo showdown, quando la mano peggiore mostrata prende l’intero piatto.

Una volta che hai imparato le complessità del Seven-Card Stud di base, sperimentare questi formati alternativi è un ottimo modo per espandere gli orizzonti del tuo gioco casalingo.

6 – Puoi diventare un giocatore di poker migliore a tutto tondo

Le persone che giocano a poker esclusivamente nel formato Texas Hold’em si stanno facendo un disservizio, perché quel gioco premia determinati skillset, come l’analisi del range di mani e il calcolo delle probabilità del piatto, rispetto ad altri.

Come giocatore di Seven-Card Stud, sarai costretto a migliorare le tue capacità di memorizzazione al volo, poiché ogni carta esposta mostrata fornisce un’informazione preziosa. E poiché così tante altre varianti di poker seguono una struttura di scommesse basata sui limiti, prendere confidenza con Seven-Card Stud apre la strada all’apprendimento dell’intera serie di “giochi misti” che stanno diventando sempre più popolari.

7 – È un’opportunità facile per riempire i margini di profitto

Come presentatore di una partita di poker casalinga, mi rendo conto che la linea sottile che deve essere percorsa. E quella linea è tra il fornire ai tuoi ospiti un buon tempo e il profitto a loro spese.

Ma il tavolo da poker è un posto per grandi ragazzi e ragazze, quindi quando qualcuno è disposto a portare il proprio bankroll nella mischia, sono sempre disposto a provare a vincerlo. Se ti ritrovi a lottare per avere successo nella tua normale partita casalinga di Texas Hold’em, lavorare casualmente in poche mani o sessioni di Seven-Card Stud è un modo sottile per livellare il campo di gioco.

Mentre i tuoi avversari sono impegnati a cercare di raccogliere le basi, la tua esperienza precedente dovrebbe darti un vantaggio importante rispetto alla concorrenza all’inizio.

Conclusione

Ho sempre avuto un’affinità per il Seven-Card Stud, da quando mio padre ha insegnato a me e ai miei fratelli il gioco tanti anni fa. Ciò significa che la mia posizione su questa pagina è un po ‘di parte, ma sulla base della mia precedente esperienza nell’introdurre ospiti di partite casalinghe al gioco, posso sinceramente dire che ogni host di poker dovrebbe provarci come minimo.

I giocatori di poker sono sempre pronti a qualcosa di nuovo e, sebbene il Seven-Card Stud sia una delle forme più antiche che tu abbia mai trovato, sarà sicuramente una novità per i tuoi giocatori casalinghi che sono diventati maggiorenni nell’era del boom del Texas Hold ‘ em.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

Due dei casinò più popolari che le donne amano

Modi per calmare la mente quando giochi