in

5 sale da poker dove puoi ancora giocare a Seven-Card Stud a Las Vegas

Se sei venuto fuori durante l’era del “Poker Boom”, scatenata nel 2003 dalla vittoria epocale di Chris Moneymaker (uno dei giocatori di maggior successo nella storia) al Main Event delle World Series of Poker (WSOP), probabilmente non hai avuto molta visibilità al Seven-Card Stud.

La copertura completa delle WSOP e del World Poker Tour (WPT) ai tempi del boom ha fatto sì che milioni di fan del poker in tutto il mondo imparassero per primi il Texas Hold’em senza limiti. Per molti appassionati di poker, infatti, il Texas holdem è l’unico gioco a cui abbiano mai giocato in un casinò.

Ma non è stato sempre così …

Prima del boom, la maggior parte dei giocatori di poker considerava il Seven-Card Stud il loro gioco preferito. Il gioco antico, e le sue varie propaggini come la variante a piatto diviso Seven-Card Stud Hi-Lo Eight or Better, era il prodotto di poker de facto nei casinò e nelle sale da gioco da costa a costa fino alla fine degli anni ’90.

Nel caso in cui tu non abbia familiarità con il gameplay di base e la struttura di Seven-Card Stud, ecco un breve tutorial per aggiornarti.

Come giocare a Seven-Card Stud

Ci saranno da due a otto giocatori al tavolo, con tutti che pagheranno un importo ante nominale basato sulle puntate del tavolo del gioco. Ogni giocatore riceve tre carte per iniziare la mano.

Due di queste carte vengono distribuite a faccia in giù, mentre la terza è scoperta per essere vista dal tavolo. Da lì, chiunque mostri la carta con il valore più basso deve piazzare una scommessa forzata nota come “bring-in”.

Gli ante e il bring-in hanno lo stesso scopo dei bui in un gioco come il Texas Hold’em, mettendo le fiches nel piatto e dando ai giocatori qualcosa per cui combattere. Dopo che la puntata del bring-in è stata effettuata, il giocatore successivo a sinistra agisce foldando, chiamando l’importo del bring-in o rilanciandolo.

io
Seven-Card Stud è un gioco di scommesse con limite, quindi questo aumento può solo portare la scommessa corrente alla dimensione della “puntata piccola”.

In un cash game che utilizza limiti di $ 5 / $ 10 e un bring-in di $ 2, ad esempio, un raiser potrebbe aumentare la scommessa fino a un importo minimo di $ 5.

Una volta che il tavolo ha agito sulla “terza strada”, chiamata in base alla quantità di carte detenute a questo punto, il mazziere consegnerà a tutti i giocatori rimanenti una quarta carta scoperta. Scommettere sulla quarta strada si attacca all’unità di scommessa piccola, ma tutte le strade successive aumentano la posta in gioco utilizzando la dimensione “scommessa grande”.

I giocatori si alternano prendendo le carte scoperte e scommettendo sulla quinta e la sesta strada, prima di prendere la settima e ultima carta a faccia in giù. Dopo un ultimo giro di puntate, i giocatori rimanenti scoprono le loro tre carte coperte. Chi ha la mano di poker a cinque carte con il punteggio più alto (nello standard Seven-Card Stud) prende il piatto.

Come puoi immaginare, rimuovere le carte comuni condivise dall’equazione rende Seven-Card Stud un test di memorizzazione. Quando una mano si conclude, vedrai immediatamente una carta dalla mano di ciascuno dei tuoi avversari.

Anche se finiscono per lasciare, questa conoscenza può essere utilizzata in seguito per aiutare a dedurre le rimanenti riserve degli avversari o calcolare le tue attuali probabilità di pesca in base all’eliminazione delle carte.

Seven-Card Stud a Las Vegas

Negli anni ’90, le sale da gioco di Sin City diffondevano il Seven-Card Stud per impostazione predefinita, poiché l’interesse per altre varianti come il Texas holdem o il Pot Limit Omaha era a dir poco scarso. Quella sceneggiatura è stata decisamente ribaltata negli ultimi due decenni, portando all’attuale stato di Seven-Card Stud un gioco di nicchia largamente ignorato dalle masse del poker amatoriale.

I più grandi cash game in città utilizzano tutti un mix o una rotazione di varianti, che in genere va da otto a 12 giochi. L’economia del gioco misto ha assicurato che Seven-Card Stud rimanga vivo e vegeto. Ma, che tu ci creda o no, puoi ancora visitare la città di Las Vegas e goderti il ​​Seven-Card Stud come ai bei vecchi tempi.

Di seguito, troverai un tour completo di cinque sale da poker a Las Vegas dove puoi ancora giocare a Seven-Card Stud con stile.

1 – Red Rock Casino Resort and Spa

A dare il via alla lista è il Red Rock Casino Resort and Spa, un luogo meraviglioso situato nell’esclusivo sobborgo di Summerlin. Per raggiungere il Red Rock Resort, dovrai guidare per circa 25 minuti a nord-ovest della Strip, ma l’attesa varrà sicuramente la pena per i fan del Seven-Card Stud.

Come mostra questa pratica guida dal database delle poker room di PokerAtlas, il Red Rock Resort ospita i giochi Seven-Card Stud con le puntate più basse di tutta Sin City con partite da $ 4 / $ 8 e $ 2 / $ 10 in esecuzione un paio di volte a settimana.

Questi tavoli giocano con il ramo Seven-Card Stud Hi-Lo Eight or Better, quindi assicurati di familiarizzare con la svolta chiave di quel gioco. Come suggerisce il nome, la versione Hi-Lo Eight or Better di Seven-Card Stud utilizza un sistema di piatto diviso in cui una mano bassa qualificata può guadagnare metà del piatto. Dovrai tenere una serie di cinque carte che sono tutte classificate da otto o meno, qualcosa come 2-3-5-6-7 o 3-5-6-7-8, per formare una mano bassa valida.

L’obiettivo in una mano Eight or Better è solitamente quello di “raccogliere” il piatto, o vincere sia la parte alta che quella bassa allo stesso tempo. Immagina di tenere la “ruota” A-2-3-4-5 dritta per rivendicare la parte alta, con la stessa combinazione di cinque carte che forma la migliore mano bassa a 5-alto per avere un’idea di come funziona lo scoop in questo estremamente interessante Variante Seven-Card Stud.

La poker room del Red Rock Resort non è la più grande di Las Vegas, ma vanta 20 tavoli. E, nei giorni più impegnativi, due di loro dovrebbero avere Seven-Card Stud Hi-Lo Eight or Better a puntate estremamente ragionevoli.

Il tavolo da $ 4 / $ 8 utilizza un buy-in minimo di $ 40 senza limite massimo, mentre il tavolo da $ 2 / $ 10 opta per un minimo di $ 100 e nessun massimo. Nel gioco da $ 4 / $ 8, l’ante è di soli $ 0,25 e il bring-in è di $ 1. Per quanto riguarda il gioco da $ 2 / $ 10, aspettati di anteporre $ 1 e portare $ 2.

Queste puntate sono perfette per i giocatori amatoriali che cercano di testare le proverbiali acque prima di salire la scala.

2 – Sam’s Town Hotel e Gambling Hall

Un altro casinò “off-Strip” situato lontano dalla natura selvaggia di Las Vegas Boulevard, il Sam’s Town Hotel and Gambling Hall è un casinò amato dalla gente del posto che apprezza il valore.

Raggiungerai la Boulder Highway per arrivarci e, quando lo farai, l’accogliente sala da poker con 11 tavoli a Sam’s Town avrà una dolce partita da $ 2 / $ 10 con il tradizionale Seven-Card Stud ad alta mano.

Il buy-in minimo qui è di $ 50, ma data la grande scommessa di $ 10 e nessun massimo sui buy-in, la maggior parte dei giocatori di Seven-Card Stud al Sam’s Town Casino ottiene un buy-in di $ 100 che dà loro 10 grandi scommesse con cui lavorare .

Sia la puntata ante che il bring-in per questo gioco sono anche solo $ 1, rendendo anche un buy-in minimo di $ 50 in abbondanza per bagnarti i piedi.

3 – Bellagio Hotel and Casino

Mentre i più grandi battitori dell’industria del poker come Doyle Brunson, Daniel Cates e Jean-Robert Bellande si sfidano nella “Bobby’s Room” al Bellagio, sede dei più grandi giochi cash misti di Las Vegas con bui da $ 2,000 / $ 4,000, puoi provare a vivere indirettamente attraverso di loro.

La poker room di classe mondiale di Bellagio, come ospite regolare del prestigioso WPT Five Diamond World Poker Classic con 37 tavoli, offre la gamma più diversificata di tavoli Seven-Card Stud ovunque a Las Vegas.

Il gioco con puntate “più piccole” qui è di $ 20 / $ 40, tuttavia, quindi dovrai portare un bankroll più grande di quello che sarebbe sufficiente al Red Rock Resort o Sam’s Town. Anche così, il punto di ingresso minimo è un buy-in di $ 200 (senza un massimo), quindi queste puntate non escludono in alcun modo i giocatori ricreativi.

Nel gioco Seven-Card Stud da $ 20 / $ 40 al Bellagio, i giocatori puntano $ 3 e pagano $ 5 bring-in. Questi tavoli addebitano anche un rake della casa di $ 5 ogni 30 minuti.

Nelle intense notti del fine settimana, il Bellagio Casino di Las Vegas offre anche una partita da $ 30 / $ 60 di Seven-Card Stud Hi-Lo Eight or Better. Qui, il buy-in minimo è di $ 500 senza massimo, gli ante costano $ 5 ciascuno e il bring-in costa $ 10. Il rake della casa sul tavolo Eight or Better da $ 30 / $ 60 è di $ 7.

E per concludere, troverai anche un gioco da $ 50 / $ 100 ad alta mano che viene eseguito occasionalmente in qualsiasi momento della settimana. A queste puntate più alte, i giocatori preferiscono aggiungere puntate sui ciechi alla Texas Hold’em, quindi cerca rispettivamente piccoli e grandi bui da $ 5 e $ 15. L’ante e il bring-in seguono la stessa struttura $ 5 / $ 15, mettendo in gioco un sacco di chip fin dall’inizio.

4 – Rio All-Suite Hotel and Casino

Per sei settimane ogni estate, il Rio All-Suite Hotel and Casino diventa un buffet di tornei Seven-Card Stud e cash game grazie alle WSOP annuali.

Pianifica il tuo viaggio tra la fine di maggio e la metà di luglio per partecipare al divertimento delle WSOP, che ha caratterizzato non meno di 11 eventi con braccialetto d’oro basati sul Seven-Card Stud e le sue varianti correlate alcuni mesi fa.

Il punto di ingresso più basso in termini di buy-in è il torneo Seven-Card Stud da $ 1.500 high-hand e la sua controparte Hi-Lo Eight or Better da $ 1.500. Come ci si potrebbe aspettare, i professionisti d’élite dominano i campi più piccoli in questi eventi di nicchia, con il veterano Eli Elezra che ha vinto il torneo high-hand da $ 1,500 questa estate per un punteggio di $ 93,766.

Troverai anche alcuni tornei con buy-in da $ 1.500 che includono Seven-Card Stud come componente di un mix. Il mix di otto giochi è esattamente quello che sembra, mentre il popolare evento Dealer’s Choice consente al dealer di chiamare il gioco prima di ogni nuova mano.

E, naturalmente, il fulcro del programma Seven-Card Stud delle WSOP è il Campionato del mondo da $ 10.000 di buy-in che Hennigan ha vinto quest’anno. Questo è un forte buy-in per la maggior parte dei giocatori, ma puoi provare a giocare $ 500 o $ 1.000 in un posto attraverso il sistema di qualificazione dei tornei satellite.

5 – WSOP.com Online Poker Room

Sebbene non sia tecnicamente una poker room nel senso tradizionale, WSOP.com offre il gioco online su una piattaforma completamente regolamentata e legale.

Puoi giocare da qualsiasi luogo a Las Vegas, o in Nevada, a condizione che tu sia maggiorenne e disponga di una connessione Internet stabile.

I cash game Seven-Card Stud su WSOP.com, nelle versioni high-hand e Hi-Lo Eight or Better, iniziano con limiti di $ 0,05 / $ 0,10 e arrivano fino a $ 10 / $ 20.

Troverai anche tornei occasionali in esecuzione, inclusi i satelliti online che alimentano le WSOP live ogni estate.

Perché il Seven-Card Stud rimane amato dai professionisti del poker

Sfortunatamente per i fan del Seven-Card Stud, la mancanza di carte comuni e la struttura delle scommesse limitate non lo rendono perfetto per la copertura televisiva.

Con un’intera generazione coinvolta nel tango a due carte del Texas holdem, definito da audaci bluff “all-in” e bad beat quando le carte comuni escono giuste, Seven-Card Stud ha perso popolarità negli ultimi dieci anni o così.

È un peccato, perché Seven-Card Stud è tra le forme di poker più complesse e stimolanti mai concepite.

La mancanza di carte comuni trasforma il Seven-Card Stud in una gara di volontà, basata su capacità di memorizzazione, ragionamento logico, capacità di sostenere una lettura solida con un bluff tempestivo.

Per questo motivo, i giocatori di poker a tutto tondo che sono orgogliosi di conoscere tutte le varianti in un buon mix di otto partite considerano il Seven-Card Stud il banco di prova che separa i professionisti d’élite.

Il veterano professionista Johnny “World” Hennigan ha conquistato il suo sesto braccialetto d’oro WSOP in carriera nel prestigioso evento del Campionato del Mondo Seven-Card Stud da $ 10.000. Ha detto al Las Vegas Review-Journal che eccellere nel gioco preferito di ogni giocatore di poker della vecchia scuola ha reso la vittoria un po ‘più speciale.

“Ho vinto tornei con un premio in denaro molto più alto, ma vincere questo torneo in particolare ha avuto molto valore per me. Sono cresciuto giocando a stud, e molte persone dicono che sono il migliore in quel gioco, e sono sempre stato davvero bravo in quel gioco. È una specie di fiore all’occhiello. “

Conclusione

Chiaramente, Seven-Card Stud è un bellissimo gioco di poker che ha resistito alla prova del tempo. Potrebbe non fornire quei momenti memorabili all-in e le bad beat “incrinate dagli assi” generate dal Texas Hold’em, ma i veri appassionati di poker apprezzano il Seven-Card Stud per il gioco abile richiesto per eccellere.

La fortuna non gioca un ruolo così importante in un gioco privo di carte comuni, e la struttura delle scommesse limitate produce effettivamente molta più azione in una data mano. Se non hai mai provato Seven-Card Stud nell’arena dal vivo, assicurati di visitare una delle sale da poker elencate qui durante il tuo prossimo viaggio a Las Vegas.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Caricando...

0

5 musei che ogni giocatore d’azzardo di Las Vegas dovrebbe visitare

7 consigli su come vincere alla roulette di Las Vegas